La genetica non è una scusa

635

Vi ricordate il dottore Cottone? una persona perbene che amava la vita e che ha lasciato un ricordo indelebile in tutti noi. Quello che ancora oggi, a sei anni dalla sua scomparsa, la storia del dottore Cottone ci insegna è che Cambiare stile di vita modifica di fatto i nostri geni, attivando quelli che ci mantengono in salute e disattivando quelli che favoriscono la cardiopatia, il tumore alla prostata, il cancro al seno, il diabete ed altre malattie. Oggi la moderna medicina è in grado di cambiare i nostri geni creandone di nuovi, ma un altro importante aspetto, che sappiamo essere utile, sta nel cambiare i nostri stili di vita. Abbiamo imparato quanto potenti possano essere questi cambiamenti. Se mangiamo in modo più sano, gestiamo lo stress, ci teniamo in esercizio e amiamo di più. Il cervello ottiene un maggiore flusso sanguigno e più ossigeno. Ci sono alcune cose che possiamo fare perché il cervello sviluppi nuove cellule cerebrali. Alcuni cibi favoriscono questo sviluppo, come la cioccolata, il tè, l’alcool in moderazione, la gestione dello stress e i cannabinoidi della marijuana. (solo a titolo informativo…) E poi ci sono altre cose che peggiorano la situazione, causando una riduzione delle cellule cerebrali: sono i soliti sospetti, gli zuccheri, i grassi saturi, nicotina, cocaina, troppo alcol e stress cronico. Cambiando stile di vita, anche la pelle riceve più sangue, pertanto invecchiamo più lentamente, si formano meno rughe e il cuore riceve più sangue. È stato dimostrato che potremmo essere in grado di fermare, o invertire, la progressione delle prime fasi del cancro alla prostata o del cancro al seno, semplicemente operando questi cambiamenti. Studi infatti hanno dimostrato che la crescita in vitro del tumore è stata inibita nel 70% del gruppo che ha fatto questi cambiamenti, contro il 9% del gruppo di paragone. Queste differenze sono molto significative. Anche i nostri organi sessuali ricevono maggior flusso sanguigno, aumentando la nostra potenza sessuale. Non a caso una delle pubblicità antifumo più efficaci realizzate mostra che la nicotina, che restringe le arterie, può causare non solo un ictus o un infarto, ma anche l’impotenza. Metà dei fumatori italiani sono impotenti, “sapevatelo!” Alcuni studiosi inoltre, stanno per pubblicare uno studio che dimostra come si possa cambiare l’espressione dei geni negli uomini affetti dal cancro alla prostata, disattivando quelli che ne determinano la progressione. 
Queste scoperte sono davvero significative, offrono a molte persone nuove scelte e una nuova speranza. Conoscere il nostro profilo genetico ci può offrire la possibilità migliorare la nostra situazione. I geni non sono il nostro destino, sono predisposizioni, e se operiamo questi cambiamenti che altrimenti non avremmo fatto, potremo davvero cambiare il modo in cui i geni si esprimono. Allora se sentirete qualcuno dire: «È una predisposizione genetica: non c’è molto che io possa fare» dite loro che non è vero, invece c’è. Cambiando stile di vita si può assumere il controllo della propria salute, senza commiserarsi.