Calamonaci: Pronto il calendario della rassegna teatrale. Si parte il 26 novembre con il “Killer” del “Piccolo” di Imola

561

È tutto pronto per l’attesa stagione del teatro “Aldo Nicolaj” di Calamonaci. Ufficializzato il cartellone degli spettacoli che prenderanno parte alla undicesima edizione del Festival nazionale del teatro “Salvo Randone” e alla rassegna dedicata a “Giovanni Raffiti”, giunta all’ottava edizione.
Dieci le compagnie, provenienti da tutta Italia, che, dal prossimo 26 novembre all’8 aprile 2017, si alterneranno sulle tavole del teatro della piccola cittadina di Calamonaci.
Ad aprire la stagione, saranno gli attori del “Piccolo” di Imola, che, il 26 novembre, porteranno in scena uno dei testi di maggior successo di Aldo Nicolaj, “Killer”. Con la regia di Giorgio Barlotti, che, per molti anni, ha lavorato al fianco di Riccardo Garrone, Nino Castelnuovo, Valeria Ciangottini, Pamela Villoresi e Giuseppe Pambieri, in scena, ci sarà anche Lucia Ricalzone, protagonista indimenticabile al teatro ne “Le tre sorelle” di Checov, al fianco di Pamela Villoresi e Valeria Ciangottini, e nel ruolo della Duchessa di Valmonté, con Mariangela Melato ed Eros Pagni, ne “La Dame de chez Maxim” di Feydeau.
Il 10 dicembre, sarà la volta di una delle compagnie storiche siciliane, “La nuova scena” di Siracusa, con “L’onorevole” di Leonardo Sciascia. Sarà così possibile apprezzare e ammirare il talento de “Le quattro moschettiere del teatro”, così come sono state definite le quattro professoresse Peluso, del Liceo di Siracusa: Lilla, Dora, Teresa e Rosina, con all’attivo oltre mezzo secolo di produzioni teatrali.
A sottolineare il grande impegno e la passione per il teatro delle compagnie locali, il 16 dicembre, ci penserà l’associazione culturale “Idea” di Alessandria della Rocca. Da qualche tempo, impegnato a promuovere la cultura teatrale nel territorio della Quisquina e non, il sodalizio porterà in scena un’esilarante opera di Massimo Pantano, dal titolo “Chi si fa pi maritari ‘nfigghiu”.
Ad aprire gli spettacoli del nuovo anno, il 7 gennaio, ci penserà l’associazione “Medea” di San Cataldo, con un testo che porta la firma di uno degli autori siciliani più prolifici degli ultimi tempi, Ivan Giumento, che cura anche la regia. Risate a crepapelle assicurate con “L’onorata famiglia Belfiore”, che vede in scena uno straordinario Ciccio Capizzi.
L’8 marzo 2014, in occasione della festa della donna, Franca Viola è stata insignita di Grande Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, “per il coraggioso gesto di rifiuto del matrimonio riparatore che ha segnato una tappa fondamentale nella storia dell’emancipazione delle donne nel nostro Paese”. Ed è proprio a Franca Viola, che si ispira l’opera che la compagnia “Onirika del sud” di Roma porterà in scena il 20 gennaio prossimo. “La donna che disse di no” è il titolo dello spettacolo che verrà interpretato da due dei giovani più promettenti del teatro italiano, Pierpaolo Saraceno e Mariapaola Tedesco.
Il 4 febbraio, la compagnia TeatrOltre di Sciacca proporrà uno degli spettacoli di maggiore successo del proprio repertorio, “Cafè chantant”. Un libero adattamento di Franco Bruno, che, negli ultimi tempi, sta mietendo successi nei teatri di tutta la Penisola, con la sua opera “Sono le storie che fanno ancora paura ai mafiosi”. Al pubblico di Calamonaci, gli attori della storica compagnia saccense proporranno un testo divertentissimo, vincitore di numerosi riconoscimenti.
Un’altra storica compagnia siciliana, “Il teatro delle nevi” di Acireale, salirà sulle tavole del teatro di Calamonaci, il 4 marzo prossimo. Un gruppo che, dal 1998, è tra i più apprezzati nel panorama siciliano, grazie alla preziosa e spontanea attività di circa 40 ragazzi, dai 18 ai 40 anni, che collaborano a vario titolo. “Attori e malfattori” è il testo dell’opera scritta e diretta da Ernesto Mangano e Rodolfo Torrisi, che sa divertire e commuovere e che, a grande richiesta, è stata inserita in due diverse stagioni della prestigiosa rassegna del Teatro Stabile di Catania, ritrovandosi, improvvisamente, proiettata sulla ribalta nazionale. Impegno sociale, divertimento, finale amarissimo e ad effetto.
Un classico della commedia del grande Eduardo De Filippo è lo spettacolo che verrà proposto, il 18 marzo, dall’associazione culturale “Calamonacinscena”. Gli attori della giovane compagnia del piccolo centro agrigentino, dopo i successi delle ultime produzioni proposte, si cimenteranno in “Ditegli sempre di si”. Una commedia che, a quasi novant’anni dalla sua stesura, continua a riscuotere successi, ogni qual volta viene portata in scena.
“Full monty – Prossimamente a nudo” è la trasposizione teatrale di uno dei film di maggior successo degli ultimi decenni ed è l’opera che la compagnia “Tiraca” di Verona proporrà il 25 marzo. Una città qualunque, un tempo presente. E’ tempo di crisi… quindi un tempo molto presente. Le fabbriche chiudono, gli operai vengono lasciati a casa. Sei ragazzi qualunque, sei uomini “normali”, che per far fronte ai pressanti problemi economici e alla sensazione di inutilità derivante dalla disoccupazione, escogitano un piano che li vede protagonisti in uno spettacolo di spogliarello maschile. Ma come possono attirare l’esigente pubblico femminile con i loro fisici non proprio da “macho”?
Tra le novità di questa nuova stagione teatrale, vi è anche la prima produzione del teatro “Nicolaj”. Così come in tutti i teatri che si rispettano, l’organizzazione ha voluto proporre un proprio spettacolo teatrale che vedrà in scena diversi attori del territorio che hanno accettato la scommessa. La scelta è caduta su un testo dai ritmi elevatissimi e particolarmente brillante. Si tratta della travolgente commedia nata dall’ironica penna del commediografo Ray Cooney, dal titolo “Taxi a due piazze”. Una classica commedia degli equivoci in cui un tassista bigamo si trova costretto a nascondere il segreto della sua vita. L’appuntamento è per il 31 marzo. La regia dello spettacolo porta la firma di Gianleo Licata, recentemente alla ribalta regionale e nazionale, con la direzione di spettacoli come “Pipino il breve”, nel 2010-2012; “Le sedie” di Ionesco, nel 2014-2016; e, la scorsa estate, con la commedia musicale “Addams”.
Gli spettacoli saranno presentati dall’attrice e regista, Ornella Vesco.
La stagione, la cui direzione artistica porta la firma di Totò Nicosia, si concluderà con la serata di gala, in programma l’8 aprile 2017, nel corso della quale si procederà alla proclamazione dei vincitori della undicesima edizione del festival nazionale “Salvo Randone” e con l’assegnazione del Premio “Giovani Raffiti”, alla presenza di volti noti del cinema e del teatro italiano.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO