Ritratti : attori del nostro tempo Maurizio Piscopo incontra Vito Colomba

63

Il 9 aprile del 2021 a Custonaci ho incontrato Vito Colomba. Vito ha interpretato nella veste di attore il film Colomba Legend diretto dal regista Rosario Neri, prodotto da Maurizio Macelloni per la Lorebea film, che ha partecipato alla selezione del David di Donatello. La storia di Vito Colomba è molto originale, è quella di un cavatore di marmo che ha lavorato per 40 anni in una cava di Custonaci.
Vito Colomba era così innamorato del cinema, che un giorno lasciò Custonaci per inseguire il suo sogno. Così senza pensarci due volte fece un viaggio diretto a Roma, la Mecca del cinema italiano. Tutto nasce nel 1964, dopo che Vito Colomba in un cinema di Trapani aveva visto il film Per un pugno di dollari per la regia di Sergio Leone interpretato da Clint Eastwood e Gian Maria Volontè con le musiche di Ennio Morricone e la fotografia di Massimo Dallamano. Quel film l’aveva affascinato così tanto che quando uscì dalla sala cinematografica rimase cinque minuti estasiato ad ammirare la locandina con Clint Eastwood.
Il giorno dopo, prima della partenza in treno, per l’emozione mentre stava ancora lavorando con l’escavatore, in un momento di distrazione distrusse un’ automobile nuovissima del valore di dieci milioni. Il responsabile della cava fu così comprensivo da pagare tutti i danni. Quel giorno Vito Colomba preso dall’euforia, ad un passo dalla felicità, entrò in un negozio di Palermo e comprò un bel vestito esposto in vetrina, sembrava fatto proprio per lui da un sarto raffinato, gli stava a pennello, una giacca vistosa e due pistole finte che mise nel fodero dei pantaloni e così vestito si presentò all’Elios film di Via Tiburtina.


Vito Colomba è stato molte volte in Tv, due volte al Maurizio Costanzo Show, a Telemontecarlo con Nino Castelbuono, a Perdonami con Davide Mengacci, è stato ospite di Jerry Scotti nel programma ore 12. Nel 2014 ha partecipato al programma di Nino Frassica Stracult di Raidue. La tv rimase incuriosita sia dalle sue lezioni di cinema e dal primo film realizzato con mezzi poverissimi, sempre in provincia di Trapani, dal titolo Quattro carogne a Malopasso di cui è stato anche il regista. Un film che ha coinvolto tutto il paese e di cui ha scritto il giornalista scrittore Giacomo Pilati. Ormai il suo volto e il suo sorriso grazie al film Colomba Legend sono noti in ogni città italiana.

 
– Qual è la professione di Vito Colomba?
Vito Colomba ha fatto il cavatore di marmo.

 
– Come si lavora il marmo?
Lavorare il marmo nelle cave di Sicilia, il perlato di Sicilia e il libeccio che si trova a monte Cocuccio è un lavoro molto faticoso.


– Quanti anni ha lavorato il marmo?
Ho fatto il cavatore per circa 40 anni, poi ho lavorato con l’escavatore, con pale cingolate ed altri mezzi ancora.

 
– Quando nasce la sua passione per la settima arte?
La mia passione per il cinema è nata nella mia infanzia. Avevo dieci anni e qui a Custonaci c’era il cinema Golden, dove si proiettavano film mitologici Ercole, Maciste, Sansone. Un giorno in un cinema di Trapani uscì una pellicola di un film western molto noto al grande pubblico, Per un pugno di dollari girato nel 1964 . Dopo aver visto il film sono uscito fuori a guardare la locandina e per 5 minuti ho ammirato l’attore Clint Eastwood. Quello era il mio genere di cinema e quella fu l’occasione che mi spinse a scappare per Roma in treno. Avevo perso la testa per il cinema!

 
– E a Roma che successe?
Arrivo all’Elios Film di via Tiburtina vestito in maniera elegante. Infatti a Palermo mi ero comprato un vestito con i pantaloni a campana, una bella giacca con il cappello, avevo nella cintura due pistole finte. Quando sono arrivato là, le persone della produzione si sono innamorate di me. Loro pensavano che avessi preso un appuntamento con il regista o con la produzione per recitare in un film e invece non avevo niente. Poi il regista ha voluto incontrarmi e mi ha fatto fare una scenetta, una scazzottata.


– Che cos’è per lei il cinema?
Il cinema è la mia vita. E’ creare, inventare. Il cinema è cultura e ci insegna tante cose. Uno con il cinema non si sente solo ma vive insieme a tante persone ed è bellissimo realizzare un film. E’ come vivere un sogno ad occhi aperti. E mi voglio rivolgere ai giovani invitandoli a seguire il mondo del cinema, seguendo l’avventura del cinematografo i giovani saranno unici e rivivranno emozioni bellissime e si allontaneranno dalla malavita. Un giorno la nostra anima attraverso il cinema rivivrà sempre tra gli schermi delle nostre case e tutti ci potranno ricordare con un bel sorriso sulle labbra.

 
– Come vive Vito Colomba a Custonaci?
Vivo a Custonaci da tanto tempo, dall’età di 13 anni e anche mio papà lavorava nelle cave di marmo poi ho cominciato a fantasticare con le cave. Ci vivo perché Custonaci mi piace immensamente e tutte le volte che mi reco a Roma o a Milano, provo tanta nostalgia e non vedo l’ora di ritornare a Custonaci che ha delle location stupende oserei dire uniche al mondo.

 
– Quali sono i suoi progetti per il futuro?
Nel 2018 abbiamo finito il film Colomba Legend prodotto da Maurizio Macelloni per la Lorebea film e stiamo preparando un altro film dal titolo Gold Story sempre con la regia di Rosario Neri, che gireremo nelle cave di marmo di Custonaci perché l’oro vero del mondo è il marmo! E ricordatevi che il marmo è più forte dell’oro con l’apostrofo.