Migliorare la salute degli uomini, un baffo alla volta!

902

Oggi voglio condividere con voi il Movember e come, attraverso di esso è stata ripensata la beneficenza, il modo in cui i ricercatori sul cancro alla prostata lavorano, e spero, attraverso questo articolo, di ispirarvi a creare qualcosa di significativo nella vostra vita. La domanda che vi starete facendo è: Cos’è? Movember è stata ed è una iniziativa di un gruppo di uomini australiani. Nel 2003, a Melbourne, in una domenica pomeriggio un gruppo di amici stanno bevendo una birra e parlando del più e del meno, di come tutto torna di moda e di ciò che invece no. E che è successo ai baffi? Disse uno di loro, perché non sono tornati di moda? Ed ecco l’idea: far tornare di moda i baffi. Perché? In Australia, “mo”(abbreviativo di moustache) in gergo significa baffi, perciò rinominarono il mese di novembre Movember e stabilirono le regole elementari del “gioco”: iniziare il primo del mese rasati di fresco, far crescere i baffi nei 30 giorni di novembre, e poi ritrovarsi alla fine del mese, fare una festa a tema baffi, e assegnare un premio ai baffi migliori. Nel 2003, erano in 30 ed ispirandosi alle donne e a tutto quello che facevano per il cancro al seno, pensarono di associare il farsi crescere i baffi con il fare qualcosa per la salute degli uomini. Il cancro alla prostata è l’equivalente maschile del cancro al seno in termini di numeri di uomini che ne muoiono o ne soffrono. Perciò unirono il farsi crescere i baffi con il cancro alla prostata, crearono uno slogan, che è ancora oggi “Cambiamo faccia alla salute maschile.” Ciò descrive molto bene la sfida, cambiare aspetto per 30 giorni, cercando di far interessare gli uomini alla loro salute, fargli comprendere meglio i rischi che devono affrontare. Così nel 2004 più di 40.000 uomini si fecero crescere i baffi, raccogliendo 54.000 dollari, li donarono alla Fondazione Australiana per il Cancro alla Prostata, che all’epoca rappresentò la donazione singola più cospicua che avessero mai ricevuto. La campagna si svolse anche l’anno successivo, ma è nel 2006 che arriva un punto di svolta. USA, Regno Unito, Canada, Nuova Zelanda ed altri stati vengono coinvolti nell’iniziativa. Era molto interessante cercare di trovare un modo per finanziare un’organizzazione che raccogliesse del denaro costruita intorno al farsi crescere i baffi, ma allo stesso tempo ancora molto difficile. Nel 2010 il Movember diventò un movimento globale. 450.000 MoBros in tutto il mondo insieme hanno raccolto 77 milioni di dollari. E questo ha reso il Movember il maggior finanziatore della ricerca sul cancro alla prostata e dei programmi di supporto in tutto il mondo.
Oggi il Movember si concentra su tre aree di un programma per avere un serio impatto: sensibilizzazione ed educazione, programmi di supporto per i sopravvissuti, e la ricerca. Naturalmente, si ci concentra sempre anche su quanto denaro viene raccolto, perché è un risultato tangibile, ma per me, la sensibilizzazione e l’educazione sono più importanti dei fondi, perché so che significa cambiare e salvare vite oggi. Quando, qualche anno fa scoprii l’iniziativa, mi sono fatto crescere i baffi più brutti della storia! Per il giorno dell’Immacolata tornai a casa per cena e presto il discorso iniziò a ruotare su cosa stesse succedendo ai miei baffi. Ho parlato alla mia famiglia di Movember e poi, mio padre, si è interessato e abbiamo fatto un discorso da uomo a uomo sulla salute maschile. Affrontare questi discorsi, far sì che gli uomini se ne interessino, a qualunque età, è seriamente importante, molto più importante della raccolta fondi. Il tumore della prostata è quello più frequente nel maschio dopo il tumore del polmone. In Italia, in media, si registrano circa 36.000 nuovi casi l’anno, con circa 7.500 decessi. Il rischio di sviluppare un tumore della prostata aumenta con l’aumentare dell’età. Più dell’80% dei casi di neoplasia prostatica, infatti, sono diagnosticati in pazienti di età superiore ai 65 anni ed il 94% dei decessi si verifica nello stesso gruppo di età. Oggi l’universo Movember finanzia migliaia di istituzioni e ricercatori in tutto il mondo, il 10% di quanto viene raccolto in ogni Paese viene messo in un fondo globale e ci sono le migliori menti scientifiche al mondo a curare il fondo, che ogni anno si riuniscono per individuare la priorità principale. Il Movember è stata un’idea veramente creativa. Con la passione, quattro amici, quattro baffi, sono riusciti ad ispirare una sala piena di persone, e quella sala piena di persone una città, e quella città una regione, e quella regione una nazione, fino a creare un movimento globale che sta cambiando la faccia della salute maschile. Quello nella foto sono Io insieme a Nino, il mio barbiere. Dopo ogni taglio, mi guardo allo specchio e mi dice sempre “ah futtitinni se nessuno ti ama, pensa a la salute che tanto mi troverai sempre qui disposto a tagliarti i capelli”! (…un grande!)
Puoi trovare tutte le info su https://ex.movember.com/it/ per informarti, inviare una donazione e partecipare all’iniziativa facendo crescere i tuoi baffi!