Calamonaci: La cittadella della salute con guardia medica, ambulanza ed attrezzature scientifiche

297

La si può chiamare cittadella della salute, grazie agli interventi dell’amministrazione comunale e di non poche associazioni che hanno fornito, come donazione, apparecchiature per la prevenzione e il pronto intervento. Entusiasta è il sindaco Pellegrino Spinelli che ha annunciato la riapertura, dopo ben 14 anni, della guardia medica festiva e notturna e la dotazione alla cittadina di un’ambulanza, di un elettrocardiografo e di un defibrillatore. La manifestazione pubblica si svolgerà a fine settimana, alla presenza delle autorità istituzionali, amministrative e sanitarie.

La guardia medica sarà ubicata nei locali riqualificati dell’impianto sportivo, già fornito di servizi vari e di videosorveglianza e sarà in funzione inizialmente solo il sabato e la domenica, con gli operatori della guardia medica di Ribera. Successivamente i turni interesseranno tutti i giorni della settimana. Il provvedimento è stato adottato dall’Asp di Agrigento, dal direttore Mario Zappia. Domani sarà effettuato l’ultimo sopralluogo.

“C’è stato un costante impegno dell’amministrazione comunale – dice il sindaco Spinelli (nella foto) – perché il servizio sanitario è utile per tutti i cittadini, specialmente gli anziani. Un ringraziamento va alle tante associazioni che hanno fornito le apparecchiature gratuitamente”.

L’ambulanza è stata donata dall’associazione “Misericordia” di Realmonte (presidente Vincenzo Cottone) e sarà resa attiva grazie al servizio di volontari sanitari, autista compreso. L’elettrocardiografo è stato fornito direttamente del sindaco Spinelli con la somma dell’indennità amministrativa percepita. Sarà possibile collegarsi via web con il servizio di cardiologia degli ospedali vicini. Il prof. Giovanni Ruvolo, presidente dell’associazione “A cuore aperto”, donerà un defibrillatore.