Lucca Sicula: La festa dell’olio extravergine a dicembre

1425

Si svolgerà a dicembre, prima di Natale, la XVIIII edizione della festa dell’olio che ha lo scopo di promuovere la valorizzazione e la commercializzazione dell’olio extravergine l’oliva, prodotto sul vasto territorio collinare. L’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Giuseppe Puccio, che non vuole assolutamente perdere l’appuntamento con la sagra paesana, programmata e svolta dai suoi predecessori, sta preparando un programma che prevede una serie di manifestazioni di degustazioni e di spettacoli, Regione Siciliana permettendo.
Grazie ad un finanziamento dell’assessorato regionale all’Agricoltura, il Comune preparerà due giorni di festa, in piazza Vittorio Emanuele, con l’apertura degli stand nei quali gli operatori metteranno in mostra attrezzi per l’agricoltura e soprattutto prodotti agroalimentari tipici, in particolare l’olio extravergine e le olive verdi e nere. Organizzata dall’associazione “Sicani Outdoor” di Caltabellotta, si svolgerà in mattinata una salutare passeggiata ambientale di giovani agrigentini tra i secolari uliveti e i boschi del territorio.

Dovrebbero essere presente qualche gruppo folcloristico tradizionale agrigentino che girerà per le vie del paese e si soffermerà in piazza. Si svolgerà la degustazione davanti agli stand di prodotti della cucina locale come panne con l’olio, “sfincioni”, “muffulette”, pane “cunzatu” con olio e sarde, formaggio, olive e vino. L’organizzazione in passato è stata curata dalla Pro Loco di Lucca Sicula presieduta da Francesco Mulè.
Il programma dovrebbe prevedere la visita agli stand con degustazioni varie e soprattutto in serata durante una manifestazione in piazza saranno realizzate la “salsicciata”, con la carne dei Monti Sicani, e la “lenticchiata”, le quali rappresentano una leccornia alla quale i visitatori dal buon gusto non vogliono rinunciare.
L’unico evento che, purtroppo, mancherà è quello del gemellaggio scolastico, culturale ed anche economico con la tradizionale delegazione scolastica tedesca che per circa 10 anni è venuta a Lucca Sicula per raccogliere le olive, farle molire e portare l’olio in Germania a fini divulgativi. Si tratta degli studenti tedeschi della scuola professionale di Stauferwerkrealschule di Weinsberg i quali, guidati dai loro insegnanti, tra cui Edelgard Muth Inga, hanno fatto per sette anni tappa a Lucca Sicula dove hanno raccolto le olive e hanno portare l’olio in Germania per farlo conoscere e apprezzare ai consumatori tedeschi. Si è trattato del tradizionale progetto “Oliventraum” che è stato portato avanti dalla scuola tedesca e che è stato interrotto dopo un decennio, a conclusione dell’esperienza didattica.