Calamonaci: Il cardinale Montenegro celebra il cinquantesimo anniversario della morte dell’arciprete Venezia

726

La chiesa, l’amministrazione comunale e la famiglia celebrano oggi il cinquantesimo anniversario della morte dell’arciprete don Francesco Venezia, parroco scomparso giovane all’età di appena 57 anni. Per la ricorrenza, nella chiesa madre l’arcivescovo il cardinale Francesco Montenegro celebrerà una messa solenne per ricordare il parroco della cui famiglia restano oggi soltanto i nipoti.
Nel luogo di culto, sarà scoperta una lapide commemorativa che, donata dai nipoti, recita “a perenne ricordo del parroco di Calamonaci con gratitudine per il ministero pastorale svolto, nel cinquantesimo anniversario della morte, avvenuta il 14 settembre del 1967”. Don Francesco nacque a Calamonaci il 14 ottobre del 1910, figlio di Giuseppe e di Francesca Sortino, fu ordinato sacerdote in Agrigento il 20 aprile del 1935. Fu cappellano nella città dei templi e a Grotte dal 1935 al 1939 e successivamente fu arciprete a Lucca Sicula dal 1940 al 1952, a Castrofilippo dal 1953 e a Calamonaci dal 1959 sino alla morte. Il nipote Vincent Venezia ha avuto assicurazioni della partecipazione all’evento dei sindaci dei comuni dove il parroco ha prestato servizio.
L’amministrazione comunale per ricordare il prete ha pensato di dedicargli una stradina, ancora senza nome, tra la via Marconi e la via Roma, al fianco del palazzo comunale e di fronte la chiesa madre. Il sindaco Vincenzo Inga scoprirà una targa toponomastica intorno alle ore 19,30. Alle ore 18,30 è in programma in chiesa una celebrazione religiosa, con la benedizione della lapide commemorativa.