Siculiana: Atto di intimidazione al capo dell’ufficio tecnico. Prefetto e amministrazione comunale esprimono piena solidarietà al geom. Tuttolomondo

312

Di notte gli hanno tagliato una trentina di alberi di ulivo, impianti da qualche anno. Per il vile atto di intimidazione, per il quale vi sono indagini congiunte tra i carabinieri di Siculiana e Montallegro, tutti si sono stretti attorno al dirigente dell’ufficio tecnico, gli hanno espresso piena solidarietà nel corso di un apposito incontro svoltosi ieri pomeriggio a Siculiana.
Tutti hanno fatto quadrato attorno al geom. Laureato Tuttolomondo in segno di solidarietà perché il dirigente è stato vittima di un atto di intimidazione in contrada “Torre Salsa”, tra Montallegro e Siculiana, dove ignoti malfattori gli hanno tagliato 30 alberi di ulivo. Più che quadrato il prefetto di Agrigento, che ha voluto incontrare ieri pomeriggio a Siculiana tutte le istituzioni, ha preferito nel corso della riunione fare un cerchio attorno al capo dell’ufficio tecnico comunale, facendo accomodare tutti davanti al tavolo delle presidenza, faccia a faccia, gomito a gomito, per far sentire la piena solidarietà delle istituzioni ad un dirigente, che da pochi giorni è a capo anche dell’ufficio tecnico municipale di Montallegro, suo paese di origine.
Già ieri, in una nota, il sindaco Lauricella, la giunta, il consiglio comunale hanno espresso vicinanza al geom. Tuttolomondo perché professionista serio e competente il quale, in un rapporto di piena fiducia, continuerà a svolgere il proprio lavoro, operando per il bene comune come ha fatto dal giorno del suo insediamento. Al vertice, voluto dal prefetto, c’erano ieri nella sala della biblioteca comunale il massimo rappresentante del governo, il questore Finocchiaro, il colonnello dei carabinieri Micucci, il sindaco Lauricella, diversi membri della sua giunta, rappresentanti del civico consesso e le forze dell’ordine dei carabinieri e della polizia municipale.
Ha voluto partecipare all’incontro lo stesso dirigente Tuttolomondo al quale il prefetto Diomede ha dato precise assicurazioni circa la vicinanza delle forze dell’ordine, che hanno già dato vita alle indagini, e di tutte le istituzioni circa un clima di comprensione e solidarietà attorno all’uomo e al dirigente. Il sindaco Lauricella ha definito vile l’atto intimidatorio perché il capo dell’ufficio tecnico si è sempre distinto per coerenza e professionalità, sempre disponibile ad aiutare i cittadini e ha invitato a diffondere la cultura della legalità per combattere omertà ed atti malavitosi. Il Comune – ha detto Lauricella – ha agevolato il rapporto di partecipazione alla vita cittadina, politica ed amministrativa.
Il sindaco di Montallegro ha detto che tutti oggi sono in trincea per combattere l’illegalità e che tutti si devono sentire dalla parte della legge. Parole di vicinanza anche dal questore Finocchiaro. Laureato Tuttolomondo, apparso sereno e anche solare, ha chiesto solidarietà alle istituzioni, tutti i giorni, e non nei casi di eventi minacciosi.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO