Ribera: Nella riserva naturale del fiume Platani Chiara Minaldi incanta gli spettatori

1914

Gli spettatori alla fine del concerto le hanno tributato una standing ovation che ha rotto il silenzio religioso del bosco della riserva naturale orientata del fiume Platani. Gli applausi sentiti e scroscianti sono stati rivolti a Chiara Minaldi, la giovane cantante agrigentina, che, con il batterista Fabrizio Francoforte e Roberto Brusca alle tastiere, ha incantato un pubblico scelto che ha assistito al concerto basato per intero su brani di musica jazz.

Borgo Chiara Minaldi 2
Anche qualche turista di passaggio, che aveva scelto la spiaggia di Borgo Bonsignore di Ribera per fare il bagno, è rimasto incantato dalla voce incantevole della Minaldi che è specialista di jazz, avendo frequentato la scuola di jazz di Palermo, il Brass Goup, e che ha proposto una ventina di brani molto applauditi, alcuni ripetuti per le richieste del pubblico, di Steve Wonder, di J, Taylor, di Diane Schuur, di Sting, di Norah Jones, di Mina, di Giorgia, di Fabio Concato, di Mia Martina e della stessa cantautrice.

Borgo Chiara Minaldi 5
E’ stato uno spettacolo emozionante, toccante e di grande levatura grazie alla cultura musicale espressa dai tre artisti e grazie all’organizzazione curata dal prof. Nino Macaluso, dal comitato “Pro Borgo Bonsignore” che ha inserito il concerto all’interno delle manifestazioni estive di Borgo Bonsignore e alla disponibilità dell’Azienda delle Foreste Demaniali di Agrigento per la fruizione del meraviglioso sito naturale che ha incantato il trio musicale e gli stessi spettatori.

Borgo Chiara Minaldi 3Borgo Chiara Minaldi 4
Una giovane e vivace Minaldi, dal sorriso espressivo e solare, ha cantato, senza sosta, padrona del palcoscenico naturale e della stessa platea, i brani più significativi della musica jazz mondiale, con la sua fresca voce che, senza esagerazioni, la può mettere sullo stesso piano artistico e musicale di Giorgia che ama il jazz. Un saggio di bravura è stato offerto dai musicisti Francoforte e Brusca che l’hanno accompagnata, sulla pedana, al centro della riserva, tra il fruscio delle foglie, lo sciabordio del mare e i morsi di qualche zanzara, impaurita da tanto pubblico.
Foto di Mimmo Macaluso e di Aurelio Quartararo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here