Calamonaci: Si chiude sabato la rassegna teatrale con la commedia di Scarpetta “L’amico di papà”

569

Sabato 9 aprile, alle ore 21,00, al Teatro Aldo Nicolaj di Calamonaci, l’Associazione Culturale CalamonacinScena, per l’ultimo appuntamento della Rassegna Teatrale “Premio Giovanni Raffiti” va in scena con l’esilarante commedia di Eduardo Scarpetta “L’amico di papà”.
La regia è di Stefano Palminteri che ne ha curato anche l’adattamento, riscrivendola completamente, adattandola alla recitazione dei nostri tempi con soluzioni linguistiche meno leziose e ritmi più sostenuti.  
Equivoci, intrighi, amori contrastati che vivono nell’ombra costituiscono i tipici ingredienti di migliaia di trame della tradizionale commedia all’italiana.
Esilaranti e paradossali vicende che hanno regalato sorrisi e divertimento a diverse generazioni di spettatori. Così come accade con la pièce “L’amico di papà”, una delle più note opere firmate da Eduardo Scarpetta che l’Associazione Teatrale CalamonacinScena proporrà sul palcoscenico del teatro Aldo Nicolaj di Calamonaci.
Con la regia di Stefano Palminteri, il sodalizio artistico renderà omaggio ad uno dei più grandi estri creativi della commediografia del nostro Belpaese.
La trama è intessuta attorno ad una serie di intricati rapporti che danno vita ad altrettante grottesche situazioni: don Liborio Ciaramella (Enzo Raffiti) ha il suo bel da fare per tenere a bada le stravaganze di Felice (Giuseppe Cipolla), figlio di un suo carissimo amico ormai defunto, mentre Angelina (Marilena Pipia) prova a riconquistare i favori del marito Liborio che pare abbia una “simpatia” per un’altra donna.
Ed ancora, Marietta (Rossana Lauro), figlia di Liborio, è innamorata di Ernesto (Tommaso Puesi) ma il padre la vorrebbe dare in sposa a Felice; senza dimenticare la domestica Luisella (Francesca Gallo), finta zitella ma in realtà sposata con Ciccino (Giuseppe Criscenti), presunto accordatore di pianoforti. Un groviglio in apparenza destinato a riservare amarezze ma che, invece, si concluderà con un lieto fine per quasi tutti i personaggi della messinscena.
Cast completato da Paolo Caruana (nei panni del domestico Pasquale), Calogero Riggi (Totó), Filippo Cardillo (lo zelante medico Panfilio) e Aurora Fidanza.
Ambientata negli anni ’20, la storia si snoda passando al setaccio tutta una serie di scambi di persona, equivoci, incontri e scontri che rendono irresistibile il ritmo scenico. “Il lavoro di Scarpetta – chiosa il regista Stefano Palminteri – ci presenta, come al solito, uno spaccato di vita napoletana ma molto vicina alla nostra, con le caratteristiche più pittoresche di questi popoli, capaci di inventare ed escogitare le soluzioni e i sotterfugi più impensati per “tirare a campare”, pur restando sempre pronti al sorriso e alla speranza in un futuro migliore.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here