Calcio, Terza Categoria – Calamonaci, occorre obbligatoriamente cambiare marcia

708

Archiviato il girone di andata, le 12 formazioni di Terza Categoria, complice la sosta dell’ultimo weekend, sono alle prese con bilanci, resoconti e previsioni in vista della seconda parte di stagione. C’è chi ha fatto bene e deve solo continuare sulla scia delle vittorie ottenute e chi, invece, deve assolutamente cambiare registro. E’ il caso del Calamonaci. La squadra del presidente Emanuele Sortino è stata protagonista di un girone di andata molto, se non troppo, altalenante. I 15 punti maturati in classifica sono il frutto di 4 vittorie, 3 pareggi e 4 sconfitte. Un bilancio non certo positivo, soprattutto in relazione alle aspettative del pre-campionato. Eppure i biancoazzuri di Miceli non sono certo partiti col freno a mano tirato. La vittoria ottenuta alla 3 a. giornata contro il quotatissimo Montallegro di mister Mercante aveva indotto tutti gli addetti ai lavori a pensare ad un Calamonaci finalmente maturo, pronto a giocarsela con le cosiddette “grandi” per il salto di categoria. Nulla di più errato, perché dopo quella netta affermazione Serafini & Co. si sono letteralmente smarriti. Le successive due sconfitte contro Joppolo e Muxar, senza dimenticare la sonora batosta subìta a San Biagio Platani, hanno fatto piombare tutto l’ambiente nello sconforto più assoluto. Un Calamonaci che ha perso grinta, caparbietà, spirito di abnegazione, elementi fondamentali per il calcio che si gioca in queste categorie. L’imperativo categorico nel girone di ritorno deve essere uno solo: cambiare marcia. Serve una squadra più compatta e solida e un attacco più pungente (solo 5 le reti messe a segno sui 16 totali). Altro tabù da sfatare è quello delle trasferte dove, eccezion fatta per Santo Stefano di Quisquina, la squadra è sempre tornata con 0 punti. La zona play off dista solo 6 lunghezze e con 12 gare ancora da giocare tutto è ancora raggiungibile. Sabato contro l’Akropolis Calcio (battuta nettamente all’andata 3-0) serve obbligatoriamente una vittoria per iniziare nel modo migliore questo girone di ritorno, un girone di ritorno che società, tecnico e tifosi si augurano essere quello della svolta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here