Ribera: Trivellazioni, Mimmo Macaluso chiede il monitoraggio delle aree interessate dalle ricerche petrolifere

1423

Mimmo Macaluso, studioso e ricercatore ambientale, alla luce dei recenti fatti accaduti a Paternò e a Los Angeles a causa del vulcanesimo sedimentario, chiede alla Regione Siciliana, il controllo e il monitoraggio delle aree siciliane ed agrigentine, a terra e soprattutto a mare, oggetto di richiesta di prospezione finalizzata alla ricerca di idrocarburi. Si tratta del fenomeno di vulcanesimo sedimentario nel mare del Canale di Sicilia, di fronte la costa agrigentina con la scoperta di uno dei più grandi crateri da esplosione di metano, chiamati pockmark, del Mediterraneo, con i conseguenti rischi legati alle esplosioni o alla liberazione di metano, in seguito alle attività di ricerca, estrazione o lavorazione di idrocarburi, alla luce anche della notizia della dichiarazione dello stato di calamità e della evacuazione di una cittadina alla periferia di Los Angeles, per un incontrollabile sversamento di metano e alla luce dei fatti di Aragona dell’anno scorso e dei vulcanetti di Paternò di ieri. Mimmo Macaluso ha partecipato a trasmissioni come “Presa Diretta” di Rai 3 e “Terra” di Rete 4, denunciando i rischi legati alla presenza di sacche di metano nello stretto di Sicilia, incompatibili con le attività di prospezione ed estrazione di idrocarburi, rischi dovuti alla liberazione repentina di gas dal fondo marino.

2 Macaluso piattaforma

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here