Villafranca Sicula: Inaugurata la casina del barone Musso

1798

E’ stata inaugurata la casina del barone Giuseppe Antonio Musso che, di proprietà comunale, sorge alla periferia orientale della cittadina, sulla collina di San Calogero, a fianco del campo sportivo. A tagliare il nastro tricolore c’erano il sindaco Domenico Balsamo, il presidente e il direttore del Gal Platani Quisquina, rispettivamente Salvatore Sanzeri e Angelo Palamenghi, l’assessore comunale alla Cultura Paola Ferrantelli e l’arciprete don Davide Trizzino il quale ha benedetto i locali la cui ristrutturazione è stata finanziata dal Gruppo di Azione Locale.
L’immobile, meglio conosciuto come “la casina”, è stato riqualificato nella parte a pianterreno del fabbricato dalla ditta Mosedil di Agrigento che, assieme all’amministrazione comunale, ha potuto sfruttare il finanziamento europeo, tramite il bando della Regione Siciliana, di circa 200 mila euro che sono serviti per far tornare all’antico splendore dell’inizio del secolo scorso la struttura che verrà utilizzata dal Comune di Villafranca Sicula per scopi sociali e culturali, così come dal testamento lasciato dal barone la cui mausoleo sepolcrale è ubicata proprio a lato della “casina”.
“Contiamo di potere finanziare con un altro bando comunitario – ci dice il presidente del Gal Sanzeri – la seconda parte della struttura che può diventare un importante punto di riferimento di tutti i comuni della zona”.
All’interno dell’immobile, il 30 dicembre prossimo, alle ore 17,30, si svolgerà una cerimonia che rievocherà l’atto di fondazione della cittadina avvenuta da parte del principe Antonio Alliata il 27 settembre 1499, data della “licentia populandi”. Nelle stanze a pianterreno verranno ricreate delle scene e dei quadri, con personaggi in abiti d’epoca dell’associazione “La Danza” di Aurelia La Licata di Sciacca e della compagnia teatrale “Barone Musso” di Villafranca Sicula, alla presenza della principessa Vittoria Alliata che vive a Bagheria e che per l’occasione presiederà la manifestazione commemorativa.