Alessandria: 13 associazioni alla rassegna di musica corale sacra. Premiate le corali di Palermo, Catania, Caccamo e Bagheria.

709

Sono state ben 13 le corali che ad Alessandria della Rocca hanno preso alla XIII rassegna di musica corale sacra. Sono arrivate per il concerto, che si è svolto nella chiesa madre, da tutte le province siciliane. Un’apposita giuria, presieduta dal maestro Enzo Marino e dai maestri Alberto Maniaci e Chiara Giacopelli, alla fine ha premiato, per merito, le corali : “Coro Pietro Piazza” dell’Ipsseda di Palermo per l’aspetto tecnico, exaequo “Coro Benedetto Albanese” di Caccamo e “Laudate Dominum” di Bagheria per la musica nuova e “Coro San Giorgio in San Francesco di Paola” di Catania per un brano di un autore siciliano. Ai vincitori sono state consegnate delle pergamene di partecipazione. A tutti gli altri gruppi il presidente dell’associazione culturale “Cantores Dei” di Alessandria della Rocca, Anna Maria Ligammari, ha consegnato dei piatti di ceramica.
Alla rassegna, che si svolge come da tradizione, nella terza domenica del mese di novembre, hanno preso parte le corali: “Gesù Nazareno” di San Giovanni Gemini e Cammarata, “Santa Maria di Gesù” di Cammarata, “Coro dei Giovani di Cammarata e S. Giovanni Gemini” (AG) “Città di Sciacca” Sciacca, “Don Salvatore Romeo” di Trecastagni, “Mater Divinae Gratiae” di Nicolosi, “San Giorgio” in San Francesco di Paola” di Catania, “Laudate Dominum” di Bagheria, “La Polifonica” di Capo d’Orlando, Quartetto “Family Singers” di Marsala, “Benedetto Albanese” di Caccamo, “P. Piazza” dell’I.P.S.S.E.O.A. di Palermo. La rassegna è stata organizzata dall’associazione “Cantores Dei”, dall’amministrazione comunale, dalla comunità ecclesiale di Alessandria della Rocca e dall’ex Provincia regionale di Agrigento. Dopo il saluto del presidente Ligammari, dell’arciprete Giovanni Mangiapane, alla presenza dei sindaci Frisco di Alessandria ed Alfano di Cianciana, è stato registrato l’intervento musicale di Chiara Giacopelli. Il coro alessandrino era diretto da Miriam Fugallo, accompagnata al pianoforte da Maria Cristina Ciaravella. “La rassegna – ci dice Anna Maria Ligammari – rappresenta un’importante crescita culturale, professionale ed umana”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here