Sciacca: Poste due sonde dell’INGV di Catania sull’isola Ferdinandea per monitorare vulcano sommerso

2049

Due sonde di fabbricazione americana sono state posizionate ieri mattina dai sommozzatori della sezione subacquea della Lega Navale di Sciacca e dall’èquipe dell’INGV di Catania sul cocuzzolo dell’isola Ferdinandea per monitorare, nel secondo tentativo in 7 anni, con un apposito progetto, l’area sottomarina dell’isola vulcanica del Canale di Sicilia, a circa 26 miglia dal porto di Sciacca, dove si registrano anche di recente fumarole e scosse di terremoto che potrebbero far pensare ad un’attività vulcanica, talvolta in quiescenza e talvolta con il trasporto a riva di pomice nera, di un’isoletta che non c’è più, essendo emersa nel 1831 ed essendo sprofondata sott’acqua nel giro di pochi mesi.

isola ferdinandea 1

isola ferdinandea 2
Sul cocuzzolo dell’isola, introno ai 9 metri sotto il pelo dell’acqua, i sommozzatori Mimmo Macaluso, Vito Gambino, Frank D’Angelo e Bruno Lanzafame, hanno posizionato in due grotticelle del costone due battenti d’acqua, due misuratori di temperatura, a 17 e 24 metri di profondità, sonde che verranno recuperate nel prossimo luglio per studiarne i dati registrati in tutte le stagioni dell’anno. Le sonde sono state portate a Sciacca dall’equipe dell’INGV di Catania, Gianni Lanzafame, Giuseppe Falzone e Marco Neri e sono state immerse in acqua nell’area marina di Ferdinandea, localizzata a 37°, 10, 166 Nord e a 012°, 43, 156 Est.

isola ferdinandea 3
I primi due dirigenti catanesi erano stati già sull’isola Ferdinandea nel 2006 quando hanno posizionato altre due sonde che sono state prelevate dopo 8 mesi per studiarne i dati, di cui è stata realizzata una pubblicazione scientifica che fa la storia del primo monitoraggio. Oggi sono state calate in acqua due cassette con le sonde, più moderne, con i fori in ceramica, e anche più costose, provenienti dagli Usa, per fare dei controlli incrociati. Una terza sonda è stata donata al museo del mare di Sciacca, nelle mani di Gaspare Falautano. Grazie ai dati registrati, ogni 15 minuti, i tecnici vogliono capire se Ferdinandea è in quiescenza o ha possibilità di potere eruttare.
E’ stato possibile posizionare le sonde grazie all’intervento fattivo del Circo Mare di Sciacca che ha messo a disposizione la motovedetta della Guardia Costiera CP 2093 il cui equipaggio era composto ieri mattina dal maresciallo Gaetano Impiduglia e dai sottocapi Domenico Rocca e Marco Serio. Hanno collaborato attivamente il Club Subacqueo di Secagrande Ribera e la Lega Navale di Sciacca diretta da Aldo Rossi.
Mimmo Macaluso: “Non si può trivellare per il petrolio in un’area instabile e a rischio”. Gianni Lanzafame: “Oggi Ferdinandea si sta abbassando di qualche millimetro e ciò dimostra, con espansione e regressione, che il vulcano è attivo”.

DSC_0330

DSC_0291

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO