Ribera: Rispuntano le palme sotto i cippi colpiti dal punteruolo rosso

1449

Natura contro natura. Incredibile a dirsi ! A Ribera rispuntano le palme proprio sotto i cippi delle piante devastate dal punteruolo rosso. E’ successo nella villa comunale e sul viale delle Alpi dove, accanto ai tronchi di palme già morte, sono spuntate nei giorni scorsi le piccole piantine di palma, della varietà “Washington, che già cominciano ad emettere nuove foglie con l’arrivo della primavera.
E’ appena passato un anno da quando le alte piante secolari di palme della villa comunale sono morte e da quando il loro tronco è stato tagliato e bruciato dagli operatori comunali per evitare l’infezione. Improvvisamente le radici, ancora sane, hanno portato alla nascita delle nuove palmette che, se curate adeguatamente, potrebbero prendere il posto di quelle ormai morte.
Dato che dal centro urbano, dalle piazze cittadine, dalle arterie principali e dai giardini pubblici le palme sono totalmente scomparse, compresi i viali delle località turistiche e balneari di Borgo Bonsignore e del lungomare Gagarin di Seccagrande, sarebbe opportuno che l’amministrazione comunale provveda a disinfestare le giovani palme per evitare che facciano la fine delle palme che davano davvero un bel decoro alla città e alle borgate. Il trattamento chimico non dovrebbe essere difficile perché oggi le piantine sono piccole e di facile accesso.
“Se abbiamo perso il patrimonio botanico iniziale perché la civica amministrazione ha fatto poco per la salvezza delle palme – ci dice il prof. Giuseppe Puma, responsabile del museo etno-antropologico della città – oggi di fronte alla rinascita delle piante non possiamo rimanere a guardare inermi”.
Intanto, continuano le ricerche e le indagini dei docenti e di alcuni studenti dell’università dell’Insubria (Varese) che nei mesi scorsi sono venuti appositamente a Ribera per prelevare alcuni campioni delle palme morte e per studiare la vita e l’azione svolta dal punteruolo rosso che ha distrutto tutto patrimonio palmizio non solo della città, ma dell’intera provincia.