Ribera: Musei per 3,5 milioni di euro di rigenerazione urbana nell’ex mattatoio

366

E’ rimasto quasi un rudere, abbandonato per circa 40 anni, in piazza Matteotti. Ora la struttura edilizia, ampia ed imponente, sarà riqualificata e diventerà sede di museo e di centro polifunzionale per la fruizione pubblica, grazie al finanziamento statale previsto dal DPCM del 21 gennaio dell’anno scorso che prevede l’utilizzo di 3.526,298 euro. Si tratta dell’ex macello comunale, in disuso dagli anni ’80, il cui immobile è collocato nell’ampia piazza dove ogni giovedì si svolge il mercatino settimanale locale.

“Abbiamo già un progetto di massima – ci dice il sindaco Matteo Ruvolo – abbiamo dato l’incarico all’ufficio tecnico di redigere il progetto esecutivo da presentare al più presto prima della scadenza dei termini. Abbiamo comunque il tempo fino al settembre del 2023 per il bando di gara e per dare il tempo alla ditta aggiudicatrice dell’opera di aprire il cantiere. Si tratta della riqualificazione di un immobile comunale, forse il più vasto tra i beni municipali, che potrà diventare sede dei musei archeologico, etnoantropologico, di sale multifunzionali per spettacoli e cultura e perfino di verde pubblico al suo interno”.

Sarà un’opera di riqualificazione e rigenerazione urbana notevole che darà decoro alla città, al suo tessuto sociale e ambientale e che risolverà i problemi di alcune strutture comunali. “Finalmente potrà nascere – afferma Mimmo Macaluso, studioso, ricercatore e ispettore onorario dei Beni Culturali della Regione– il museo archeologico dove esporre i tanti beni individuati a terra e a mare in questi ultimi decenni. Una conquista attesa da anni”.

Vi troveranno pure collocazione i reperti della civiltà contadina, che raccolti dal compianto prof. Giuseppe Puma, oggi giacciono impolverati nella sala convegni della villa comunale. Ci saranno spazi utili per mostre, convegni, spettacoli e manifestazioni culturali grazie alla utilizzazione di diversi locali resi funzionali e alle ampie aree esterne disponibili nella piazza Matteotti.