Montallegro: Impianto rifiuti, Tar accoglie domanda Pro Loco e rinvia ogni decisione al 14 dicembre

104

Entra nel vivo la disputa giuridico-amministrativa tra la Pro Loco, il Comune di Montallegro e l’assessorato regionale a Territorio ed Ambiente in merito al progetto per un impianto integrato di rifiuti, sezione umida. Ieri, su istanza cautelare, proposta dagli avvocati Botta e Calderone, per conto della Pro Loco di Montallegro, il Tar di Palermo ha rinviato ogni decisione al 14 dicembre prossimo, ritenendo “le esigenze dell’associazione locale apprezzabili favorevolmente e tutelabili adeguatamente con la sollecita definizione del giudizio”.
Gli avvocati avevano formulato un’istanza cautelare richiedendo al Tar di “voler adottare le misure cautelari più idonee ad assicurare interinalmente gli effetti della decisione del ricorso, anche in vista della riunione decisoria della conferenza di servizi per il Paur, dapprima convocata per il 29 giugno, poi aggiornata a lunedì 26 luglio”.
Il presidente della Pro Loco Giosuè Scalia afferma: “E’ un passo avanti notevole. Noi non arretreremo perché la battaglia per la tutela dell’ambiente a Montallegro non si ferma qui!”. Sono stati denunciati il mancato rispetto della prescritta distanza tra l’area del progetto e il centro abitato, la mancata valutazione della sussistenza di vincoli paesaggistici che insistono su territorio, nonché l’effetto cumulo con la discarica in essere e con impatto ambientale.
E’ certo ad ogni modo che il Tar ha rinviato ogni decisione in merito, accogliendo la richiesta, sulla quale si pronuncerà a dicembre e che non ci sarà alcun provvedimento sospensivo sul procedimento in itinere a Palermo per il quale è prevista la conferenza dei servizi lunedì 26 luglio.
Ecco il verbale dell’ordinanza del Tar pubblicato in data 21.07.2021.