Ribera: Il consigliere D’Azzo propone al Comune il baratto amministrativo

1037

Il baratto amministrativo 2017 è uno strumento introdotto dal decreto Sblocca Italia, che offre la possibilità ai cittadini in difficoltà di poter saldare i propri debiti tributari (TASI, IMU, TARI), mettendosi a disposizione del Comune per eseguire lavori socialmente utili poiché oggettivamente impossibilitati a pagare i tributi come TASI, IMU e TARI.

E’ necessario – continua D’Azzo – che uno specifico regolamento definisca i criteri e le condizioni per la realizzazione di interventi di riqualifica del territorio, proposti sia da singoli che da cittadini associati.

Tali interventi, possono riguardare la “pulizia, la manutenzione, l’abbellimento di aree verdi, piazze, strade ovvero interventi di decoro urbano, di recupero e riuso, con finalità di interesse generale, di aree e beni immobili inutilizzati, e in genere la valorizzazione di una limitata zona del territorio urbano o extraurbano”.

L’esenzione dal pagamento delle tasse locali grazie al “baratto amministrativo” è concessa solo per un periodo di tempo limitato, a seconda del tipo di tributo da pagare e dell’attività di lavoro socialmente utile, criteri questi che devono essere decisi direttamente dal Comune.

il baratto amministrativo, – sostiene D’Azzo – consentirebbe ai cittadini disagiati, non solo di saldare il proprio debito attraverso lo svolgimento di lavori socialmente utili, ma anche e soprattutto di non perdere la dignità di essere umano, di padre o madre, marito o moglie, di nonno e nonna, e di aumentare la fiducia nei confronti di una Pubblica amministrazione, ormai vista solo come oppressore, despota e sanguisuga.