Sciacca: Indagine di Marevivo sui rifiuti in spiaggia

284

L’associazione Marevivo Sicilia, diretta da Fabio Galluzzo di Agrigento, ha completato il progetto che ha impegnato alcuni studenti del Liceo Scientifico “E.Fermi” di Sciacca e dell’Istituto di Istruzione Superiore “Giudici Saetta e Livatino” di Ravanusa. In entrambi i casi i ragazzi hanno potuto conoscere il territorio affiancando gli operatori in alcune visite didattiche. Nel caso del liceo saccense gli studenti hanno avuto anche modo di sperimentare metodologie scientifiche e statistiche applicate al fenomeno dello spiaggiamento del marine litter, ossia dei rifiuti di origine artificiale. E’ stato infatti attuato il protocollo di campionamento “Beach Litter”.
Gli studenti hanno censito il marine litter in una porzione di 100 metri della spiaggia di Capo San Marco non soggetta a pulizia meccanica e sottoposto a pesatura. I dati rinvenuti sono stati poi studiati ed elaborati nei laboratori informatici delle scuole attraverso l’utilizzo di excel e sono stati poi oggetto di discussione in aula, cercando di capire la provenienza di tali rifiuti e quali potrebbero essere le soluzioni per limitarne l’abbandono indiscriminato. 
Dall’analisi dei dati è uscito fuori il totale dei rifiuti raccolti nell’area censita che ammonta a 405 per un peso totale di 15,413 kg. I rifiuti più frequenti sono in ordine: pezzi di polistirolo (34,07%), plastica (12,09%), bottiglie per bevande (11,11%), schiuma sintetica (8,64%), bottiglie per bevande (3,95%), bicchieri e coperchi di plastica (3,7%) e cartoni/tetrapack (3,7%).