S. Stefano Quisquina: Troupe della regista Condorelli in sopralluogo per le riprese del “La storia vergognosa”

248
Jpeg

Sopralluoghi nel territorio dei Monti Sicani per la produttrice e regista Nella Condorelli che è tornata nell’agrigentino, tra Santo Stefano Quisquina, le alture pastorali sicane e la riserva di Monte Cammarata dove saranno ambientate alcune scene del suo docufilm “The Shameful Story | La Storia Vergognosa”. Attualmente in pre-produzione, il film documentario indaga la prima grande ondata migratoria siciliana oltreoceano, a cavallo tra fine Ottocento e primi Novecento, sul filo rosso delle lotte contadine per il riscatto dalla servitù della gleba legate all’esperienza del movimento dei Fasci dei Lavoratori che, a Santo Stefano Quisquina, ha visto l’azione di uno dei suoi maggiori leader, Lorenzo Panepinto. Emigrato in America nel 1907, tornato a Santo Stefano per organizzare la lotta per le affittanze collettive della terra, Panepinto sarà assassinato dalla “maffia” del feudo sull’uscio di casa, il 16 maggio 1911.
Accompagnata dal direttore della fotografia Vincenzo Condorelli e dall’aiuto regia Cecilia Grasso, Nella Condorelli ha esplorato il territorio di Santo Stefano, confermando l’interesse dimostrato con la prima visita dello scorso novembre, ed ha potuto consultare numerosi documenti d’archivio e testi conservati presso la biblioteca comunale che raccontano, attraverso l’esperienza di Panepinto, la storia della Sicilia.

Jpeg

“Siamo felici di accogliere nuovamente la troupe del film documentario “La Storia Vergognosa” – dichiara il sindaco Francesco Cacciatore – questo evento cinematografico ha una doppia valenza per la mia comunità poiché ci riguarda sia dal punto di vista storico che di promozione del territorio. Ricorderemo Panepinto, la sua straordinaria figura di difensore della causa contadina anche nelle Giornate della Memoria e della Legalità che si svolgeranno tra il 12 ed il 22 di maggio. La marcia per la Legalità di giorno 16 si chiuderà proprio nel luogo dove fu ucciso Panepinto. L’amministrazione comunale e la gente di Santo Stefano crede nel progetto della Condorelli che sarà seguita dal vice sindaco Ignazio Schillaci e dall’assessora alla cultura Giovanna Ferraro”.