Ribera: Non decolla la raccolta differenziata porta a porta in periferia e strade provinciali

1396

Se nelle località balneare di Seccagrande, Borgo Bonsignore e Piana Grande, la raccolta differenziata porta a porta pare che funzioni a buon regime, secondo le dichiarazioni degli amministratori comunali, lo tesso non si può dire del servizio che viene praticato a Ribera, specie nel periferie estreme dell’abitato e soprattutto lungo le strade comunali, provinciali e statali in entrata e in uscita dalla città.
La situazione è diventata insostenibile, in questi giorni di massiccia presenza di emigrati, turisti e visitatori, lungo le strade per Seccagrande e Piana Grande dove i contenitori pieni zeppi, dove i cittadini ammucchiano per terra i rifiuti dentro sacchi di plastica oggetto dell’interesse degli animali randagi e dove il servizio di raccolta è fermo a venerdì dal 29 luglio scorso. Lo stesso dicasi dei contenitori stracolmi lungo la strada provinciale per Cianciana e sull’arteria nazionale, la SS 386, a nord verso Calamonaci, e a sud verso Sciacca.
Possibilmente sarà successo che gli operatori ecologici dell’ex Sogeir, nel mandare a regime la raccolta differenziata in città, abbiano trascurato le periferie, offrendo garanzie di pulizia e salubrità soltanto alle abitazioni del paese. Sta di fatto che per un’intera settimana i rifiuti sono rimasti a marcire ai margini delle arterie. Dagli uffici dell’ex Sogeir ci hanno sapere che è cominciato il servizio di raccolta periferica, ma ci vorrà ancora qualche giorno per svuotare contenitori e ripulire arterie e periferie estreme.
Dal 1° agosto è in funzione in città e su tutto il territorio la raccolta differenziata porta a porta.

rifiuti-sp-33-Foto-Minio rifiuti-sp-33-Foto-Minio-3 rifiuti-strada-provinciale-33-Foto-MInio-2

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here