San Biagio Platani: L’arcivescovo Montenegro riapre la chiesa del Carmelo

1117

Sarà l’arcivescovo di Agrigento, il cardinale Francesco Montenegro, a benedire l’altare e ad officiare la messa della chiesa del Carmelo che torna all’antico splendore, dopo ben 15 anni di chiusura, a causa di infiltrazioni di acqua piovana che l’hanno resa inagibile. Grande festa religiosa e civile voluta dall’arciprete don Giuseppe Carbone, vicario foraneo, che si è avvalso della collaborazione dei parrocchiani, delle associazioni e dell’amministrazione comunale. Il luogo di culto, per i cui finanziamenti si era adoperato don Angelo Bongiovanni, da qualche anno scomparso, è stato restaurato con i fondi erogati dalla Regione Siciliana.
La chiesa del Carmelo, ubicata nella parte alta del paese nei pressi del calvario, davanti ad una grande piazza, è stata riaperta ieri sera quando l’arciprete, i fedeli, il sindaco Santino Sabella hanno riportato, in processione, sull’altare principale del luogo di culto rinnovato la statua in legno della Madonna del Carmelo che per tre lustri è stata ospitata nella chiesa madre. La concelebrazione religiosa oggi è in programma alle ore 18,30.

San Biagio Platani chiesa del Carmelo 2
“Sulla piazza, davanti alla chiesa che risale all’inizio del XVIII secolo, come dal registro delle visite pastorali del 1730 – ci dice Carmelo Navarra, ricercatore, artista e storico – i contadini il 15 agosto ammassavano il grano della buona annata come segno di ringraziamento per la grazia della “Madunnuzza di lu Carminu”. Ad architettura semplice a capanna e un portale ad arco di gusto neoclassico, con interno a navata unica ed abside, con colonne di ordine corinzio e alle pareti pregevoli dipinti, la chiesa fino agli anni ’80 aveva un campanile costruito con alabastro e cotto e mostrava un cupolino a bulbo”.
“I fedeli torneranno a pregare la Madonna del Carmine nella sua chiesa, così come da tradizione – dice l’arciprete Carbone – con la speranza che le nuove generazioni possano tornare a custodire la memoria della religiosità dei loro padri”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here