Ribera-Lucca Sicula: Il Tar annulla le delibere dei sindaci contro il distacco dei contatori da parte di Girgenti Acque

1340

I sindaci Carmelo Pace di Ribera e Giuseppe Puccio di Lucca Sicula non hanno la competenza giuridica per impedire a Girgenti Acque il distacco dei contatori idrici degli utenti morosi. Lo ha deciso il Tar di Palermo che, con le ordinanze n. 979 e 980 del 2016, ha annullato le ordinanze dei sindaci di Lucca Sicula e di Ribera che, con propria delibera municipale, quella di Ribera del 22 aprile 2015 e quella di Lucca Sicula del 27 aprile dello stesso anno, avevano fatto divieto alla società agrigentina di distribuzione dell’acqua di non procedere alla sospensione e distacco dell’erogazione idrica per morosità nei pagamenti. Girgenti Acque era rappresentata dall’avvocatessa Cristina Mancuso, mentre i comuni di Ribera e di Lucca Sicula non si sono costituiti in giudizio.
Secondo il Tribunale Amministrativo Regionale di Palermo, il sindaco non può impedire al gestore del servizio idrico integrato, di azionare i rimedi di legge tesi a interrompere la somministrazione di acqua nei confronti di utenti non in regola con il pagamento della bolletta, in quanto il comune è un soggetto estraneo al rapporto contrattuale tra utente-gestore.
Nella sentenza si legge pure che non ci sarebbe per la popolazione alcun rischio derivante dalle condizioni igienico-sanitarie e da problemi di ordine pubblico, come sostenuto nelle delibere sindacali del’anno scorso. I provvedimenti sindacali erano finalizzati ad impedire al gestore del servizio di azionare i rimedi di legge tesi ad interrompere la somministrazione di acqua nei confronti degli utenti morosi non in regola con i pagamenti delle tariffe.
Il Tar ha così deciso di accogliere la domanda di annullamento delle ordinanze sindacali emesse dai sindaci di Lucca Sicula e Ribera, affermando che le spese di giudizio sono state dichiarate non ripetibili. Nei mesi scorsi, il Tar di Palermo aveva emesso stesse ordinanze nei confronti dei sindaci di Sambuca di Sicilia, Montevago e Casteltermini.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here