Montallegro: il pizzaiolo Cassaro al campionato mondiale di Parma

1334

Rappresenterà la provincia di Agrigento al campionato del mondo della migliore pizza in programma in Italia, a Parma, dall’11 al 13 aprile. Sarà Marco Cassaro, pizzaiolo, quarantenne, di Montallegro a portare nella rassegna internazionale i sapori, il gusto e i colori della terra agrigentina. Parteciperà nella gara per la categoria pizza classica.
“Avremo appena 15 minuti – ci dice Marco Cassaro davanti alla sua pizzeria “La Preferita, sul viale della Vittoria a Montallegro – per preparare, decorare, fare cuocere e presentare la pizza alla giuria internazionale. Penso di utilizzare farina speciale biologica siciliana, pomodoro, sale, zucchero, olio extravergine d’oliva. Si tratta di una grande occasione, di una vetrina mondiale nella quale farsi conoscere e confrontarsi con i migliori pizzaioli”.

Cassaro Marco Montallegro 2
E’ la prima volta che Cassaro partecipata ad una kermesse mondiale. Per la verità, già due anni fa aveva fatto richiesta di partecipazione, aveva inviato il curriculum e non era stato scelto. Quest’anno, invece, è arrivato il suo turno e già si appresta a partire per potere dimostrare la sua esperienza maturata in circa 25 anni di attività di pizzaiolo prima in Germania e da circa 13 a Montallegro.
Ha cominciato a fare le prime pizze all’età di 15 anni, in Germania, dove è nato, a Giessen, dove i suoi genitori si erano trasferiti per lavoro. Tornato in Italia, ha completo gli studi superiori presso la scuola alberghiera di Sciacca dove ha preso il diploma e da allora non si è più fermato tra una infornata e l’altra, davanti al suo forno di mattoni rossi.
“Sono in condizione di realizzare una varietà di pizze che vanno dalla deliziosa alla primavera, oltre alle solite specialità tradizionali – ci dice Marco Cassaro – quella che, comunque, preferisco è la “pizza al pesto” , con mozzarella grana e prezzemolo fresco. Dal mondiale di Parma, a parte la pergamena di partecipazione, mi aspetto un buon ritorno di immagine per la nostra Sicilia”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here