Ribera – Ospedale, il sindaco Pace : ” Non Abbiamo ricevuto alcun invito ufficiale per le riunioni di Sciacca”

648

Come risaputo la seria problematica della Sanità ospedaliera di Ribera risale a più di un ventennio e la
mancanza di personale medico ed infermieristico in diversi reparti mette a rischio l’intera struttura.
Tale situazione ha ulteriormente accresciuto la già perdurante agitazione della popolazione riberese e
dell’hinterland, creando una situazione di preallarme sociale già, in passato, sfociata in manifestazioni
pubbliche da parte di questa Amministrazione Comunale per difendere il mantenimento dell’ospedale,
come scioperi, Consigli Comunali e riunioni svoltesi con i vertici dell’Azienda Ospedaliera che hanno
attentamente esaminato la situazione dell’intero territorio.
Non per ultimo appare doveroso ricordare che mercoledì 10 febbraio c.a., il sottoscritto unitamente al
Consigliere Comunale dott. Davide Caico, si è recato ad Agrigento per una riunione con il Direttore
Generale dell’Azienda e il dott. Adriano Cracò., dove per l’ennesima volta abbiamo messo sul tappeto
tutta la problematica Sanitaria del territorio.
Da più parti vengono mosse accuse rivolte a questa Amministrazione – afferma il Sindaco Pace – e
precisamente al sottoscritto, di non aver partecipato ad una riunione convocata dal Comune di Sciacca
il 23 e il 25 febbraio c.a., come se tutte le cause della problematica Sanitaria del nostro Ospedale
dipendessero dalla presenza o non presenza a tali riunioni.
Si fa presente – continua lo stesso – che con nota del 15.02.2016 il sottoscritto ha comunicato a S.E. il
Prefetto e al Comandante della locale Tenenza dei Carabinieri di Ribera la propria assenza per motivi
personali dal Palazzo di città, dal 22 al 26 febbraio c.a., delegando le proprie funzioni al Vice Sindaco,
Alessandro Dinghile.
Alla luce è opportuno sottolineare – continua lo stesso – che questa Amministrazione non ha ricevuto
alcun invito ufficiale, per la riunione fissata il 23 e il 25 febbraio c.a., nei giorni antecedenti alla stessa,
sia tramite e-mail che in forma cartacea.
Già ieri unitamente al Presidente del Consiglio dott. Giuseppe Tortorici – conclude il Sindaco – è stata
convocata per mercoledì 2 marzo c.a. alle ore 11.00 una riunione con i maggiori vertici dell’Azienda
Ospedaliera, presso la Sala dei Sindaci del Palazzo di città.
Considerato che la problematica continua a rimanere irrisolta, sia per il quotidiano andamento del nostro
ospedale, sia per quanto riguarda le prospettive future dell’intero Distretto Sanitario questa
Amministrazione, unitamente a tutto il Consiglio Comunale, è pronta ad organizzare una serie di azioni
politiche e di protesta in collaborazione con i Sindaci e i Consiglieri Comunali del territorio, i partiti
politici, le associazioni, i movimenti politici, i comitati spontanei, contro i tagli sui piccoli ospedali che
creeranno danni e pericoli per gli utenti che non potranno essere garantiti adeguatamente sul territorio.
Facciamo appello a tutta la classe politica affinchè si facciano da tramite con il manager dell’ASP, ma
soprattutto con il Governo Regionale per avere le risposte che il territorio merita”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO