Ribera: Il comune esonera dal pagamento dell’Imu agricola i cittadini a basso reddito

886

Il comune di Ribera approva una delibera del consiglio comunale con la quale viene disposto il rimborso Imu sui terreni agricoli a favore dei soggetti e delle famiglie a basso reddito. Si tratta di un provvedimento di natura politica perché la civica amministrazione, con tale deliberazione e con le richieste che saranno avanzate dai cittadini, vuole alleggerire la pesante tassazione che oggi grave sulle famiglie, soprattutto meno abbienti, a basso reddito e senza grandi beni immobili. La determinazione amministrativa locale forse anticipa i provvedimenti nazionali del governo che parlano di riduzione o di abolizione della tassazione suoi terreni dove non vi sono attività colturali. Anche a Ribera, nonostante la presenza di rigogliosi agrumeti e di pregiati oliveti, vi sono vaste estensioni di terreni abbandonati sia perché le famiglie li hanno lasciati per recarsi a lavorare altrove, Italia del Nord ed estero, sia perché tanti agricoltori rinunciano alle coltivazioni in quanto poco remunerative per gli alti costi di gestione.

Durante il consiglio comunale il sindaco Carmelo Pace ha detto che “si è ritenuto opportuno garantire un giusto equilibrio fiscale a carico del contribuente stabilendo un rimborso dell’Imu agricola senza aggravi eccessivi per il bilancio del comune per quei soggetti che rientrano nella fascia di 5 mila euro di valore Isee.” Per tale ragione, il comune di Ribera sta per predisporre un avviso pubblico per gli aventi diritto con scadenza il 31 dicembre 2015. Infatti sarà stabilita, con successivo provvedimento deliberativo che dovrà essere esitato del civico consesso, in base al numero delle istanze e alla disponibilità delle risorse economiche dell’ente, la percentuale di rimborso da applicare agli aventi diritto. In molti a Ribera, tra gli agricoltori e le forze politiche dell’opposizione e le organizzazioni professionali agricole, hanno criticato il provvedimento municipale che reca un indicatore reddituale molto basso, 5 mila euro, e che fa presumere che poche famiglie potranno usufruire davvero del rimborso comunale. La verità è che il provvedimento sembra a livello sperimentale per cui gli amministratori vogliono capire quanto incasserà in meno il Comune, per evitare di trovarsi con un buco nel bilancio finanziario. “L’approvazione del rimborso dell’Imu agricola rappresenta un impegno preso in campagna elettorale – si legge in una nota diffusa dal sindaco Pace – e un sostegno in favore dei proprietari dei terreni agricoli in modo da aiutare il settore a superare la fase di difficoltà economica. Per il 2015 si è scelta la fascia di reddito di 5.000 euro, ma nulla vieta nei prossimi anni, qualora ci siano le condizioni, di alzare la fascia di reddito”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here