Santo Stefano Quisquina: Adottate le direttive generali per la revisione del piano regolatore generale. Lo comunica il presidente del consiglio Enzo Greco Lucchina

717

Nell’adunanza del 26 giugno 2015 il Consiglio Comunale di S. Stefano Quisquina, convocato dal Presidente Enzo Greco Lucchina, ha approvato all’unanimità la proposta di deliberazione di adozione delle “Direttive generali da osservarsi nella stesura del Piano Regolatore Generale” redatte, ai sensi dell’art. 3 della legge regionale n° 15/91, dal Responsabile dell’Ufficio Tecnico Comunale arch. Angelo Lupo in collaborazione con l’Assessore all’Urbanistica arch. Ignazio Schillaci.
Nel dibattito che si è svolto in aula è stato dato merito ai redattori per l’eccellente lavoro svolto, frutto di una meticolosa analisi del P.R.G. vigente, attualmente inefficace relativamente alla validità dei vincoli preordinati all’esproprio, e degli effetti sull’assetto e sullo sviluppo del territorio derivanti dalla sua attuazione.
Unanime è stata la condivisione delle direttive adottate volte soprattutto alla riqualificazione del centro storico, in armonia con le indicazioni delle linee guida del Piano Paesaggistico della Provincia di Agrigento, alla riqualificazione delle periferie, da concretizzare attraverso la deframmentazione del costruito e il ridisegno dei margini della città, e alla riqualificazione del territorio attraverso la sua valorizzazione per uno sviluppo sostenibile di tipo turistico rurale, enogastronomico e connesso alle risorse storico culturali e sociali dello stesso.
Nella stessa seduta è stato espresso forte disappunto in merito alla riduzione del 20% del budget da assegnare nel 2015 alle strutture convenzionate, disposta con D.A. del 27 maggio 2015 dell’Assessorato Regionale della Salute, che si ripercuote drasticamente sulla Struttura di Chirurgia della Cataratta presente nel Comune di S. Stefano Quisquina della quale usufruiscono anche gli abitanti dei Comuni del comprensorio montano. Ciò crea notevoli disagi soprattutto agli anziani, che per la cura della cataratta, la cui terapia è esclusivamente chirurgica, dovrebbero rivolgersi alle strutture ospedaliere di Sciacca o di Agrigento, ubicate a notevole distanza e collegate al comprensorio stesso da una viabilità obsoleta e dissestata.
E’ stato concordato con il Sindaco e la Giunta Comunale di intraprendere un’azione incisiva per la salvaguardia di un servizio utile e necessario per il nostro territorio, coinvolgendo anche i Sindaci del Comuni del comprensorio montano.
In aula è stata anche trattata l’interrogazione del gruppo di opposizione sulla mancata adesione dell’Amministrazione Comunale al bando 2014 per lo svolgimento dei progetti del Servizio Civile Nazionale per l’anno 2015.
Il Sindaco ha infine comunicato al Consiglio Comunale la nuova composizione della Giunta Comunale e le relative deleghe.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here