Ribera: Il sindaco Pace cambia assessori e lunedì presenta la nuova giunta

2447

Il sindaco Carmelo Pace, a quattro giorni dalla prima riunione del consiglio comunale, in programma per il 1° luglio prossimo, cambia in parte i componenti della giunta comunale e annuncia una conferenza stampa per lunedì mattina durante la quale presenterà la sua squadra e certamente farà conoscere le deleghe assessoriali.
Il primo cittadino ha reso noto che la sua giunta sarà composta da Ina Picarella, Antonino Firetto, Alessandro Dinghile e Lucia Padovano. Mentre Picarella e Dinghile sono i due assessori che Pace aveva indicato al momento della presentazione delle liste, invece Firetto e Padovano sono due novità nel senso che vanno a rimpiazzare due assessori designati al momento del ballottaggio, Gianfilippo Pasciuta e Giovanni Lupo, che sono stati sostituiti forse per un riequilibrio politico.
Il problema è che il sindaco riconfermato deve far quadrare i “conti” ossia deve offrire a quelle liste che lo hanno appoggiato la possibilità di avere una presenza all’interno dell’amministrazione e del civico consesso. Difatti la componente che fa capo all’on. Cascio sarà rappresentata da Lucia Padovano e il gruppo che fa riferimento a Sgrò e Scalia, nella lista del sindaco Pace, avrà Ina Picarella, mentre Antonino Firetto, nella lista del Nuovo Centro Destra con l’on. Marinello, sarà il terzo assessore, seguito da Alessandro Dinghile vicino alle posizioni di Mariano Ragusa.
In vista del consiglio comunale del 1° luglio circolano voci non confermate che Alessandro Dinghile potrà essere nominato vicesindaco con qualche delega, che Antonino Firetto possa andare a dirigere il comparto dei Lavori Pubblici e dell’Annona, che Ina Picarella, assessore uscente, possa riavere la Pubblica Istruzione e Lucia Padovano potrà ottenere Sanità. Ci sarà da capire a chi saranno affidati Bilancio e Agricoltura che sono settori molto delicati della civica amministrazione. Si dice pure che l’assessore Picarella voglia mantenere il doppio ruolo di assessore e di consigliere comunale per cui non dovrebbe entrare in consiglio Cristina Cortese, mentre pare che Alessandro Dinghile possa dimettersi per fare posto a Maria Grazia Angileri.
Nella riunione del civico consesso dovranno essere eletti, dopo il giuramento dei nuovi consiglieri, il presidente e il vicepresidente del consiglio. Pare che uno dei candidati più autorevoli ad occupare tale carica possa essere Giuseppe Tortorici che, vicino all’on. Salvatore Cascio, verrebbe riconfermato. Resta da assegnare l’ultimo posto che è quella della vicepresidenza del consiglio. In questi quattro giorni che mancano non sono escluse sorprese dell’ultimo momento.