Ribera: Nino Cufalo nominato prefetto dal Consiglio dei Ministri

2839

Nino Cufalo, riberese, già questore in diverse città italiane, è stato nominato prefetto dal Consiglio dei Ministri. Il rappresentante di governo continua a scalare le cariche istituzionali della Repubblica Italiana. Non dovrebbe assumere servizio in qualcuna delle province italiane, ma rimarrà quasi certamente come direttore a Roma della Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato, in via Tuscolana, dove è stato trasferito nei mesi scorsi dalla questura di Torino.
La notizia ha subito trovato soddisfazione tra le istituzioni e i cittadini di Ribera che hanno sempre creduto che Nino Cufalo, che vanta un prestigioso curriculum antimafia alla Dia e diverse questure della penisola, potrà fare una splendida carriera con gli incarichi più prestigiosi della Nazione. A febbraio era passato da questore di Torino a massimo dirigente della centrale anticrimine di Stato per tutto il territorio nazionale.

Direzione Centrale Antimafia Roma via Tuscolana
Nello scorso dicembre Cufalo è stato ad Agrigento dove il prefetto Nicola Diomede gli ha consegnato la statuetta del “Premio Internazionale Telamone 2014, creato dal Cepasa e dal suo presidente Paolo Cilona, con questa motivazione: “Pratico ed estraneo ad ogni inutile retorica, intelligente, leale e autorevole servitore dello Stato, pone in essere le sue doti umane e culturali in difesa della legalità, dell’ordine pubblico, della giustizia e delle Istituzioni”.
Cufalo ha prestato servizio nella Questura di Milano. Già dirigente del Commissariato di Sciacca , è stato alla Dia di Palermo con l’incarico di capo centro per la Sicilia Occidentale fino al 2000. E’ stato trasferito alla Direzione centrale della Polizia criminale, dove, dal 2002 al 2005, ha ricoperto il ruolo di direttore del Servizio centrale di protezione. Tornato a Siracusa come questore, nel febbraio del 2009 è stato trasferito a Lecce, dove è rimasto prima di spostarsi a Catania nel giugno del 2011. Dalla città etnea il volo per Torino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here