Eraclea Minoa – Concorso internazionale di idee per coprire il teatro greco

3096

Un concorso internazionale di idee per permettere la copertura e una migliore conservazione del teatro greco di Eraclea, costruito alla fine del V secolo a.C. e scoperto dal soprintendente De Miro all’inizio del 1950. Per la valorizzazione dei beni culturali e archeologici del territorio è stata firmata martedì mattina al palazzo comune di Cattolica Eraclea una manifestazione di intenti con la quale sia l’ente locale che la soprintendenza di Agrigento hanno concordato che il patrimonio della città e del territorio hanno una grande potenzialità turistica da sfruttare come volano per lo sviluppo economico.
Hanno firmato il documento il sindaco Nicolò Termine e il soprintendente Caterina Greco i quali, in occasione di una visita ad Eraclea per un progetto educativo e didattico dell’istituto comprensivo “Contino”, hanno affrontato il problema legato ad un’idea di copertura del teatro greco di cui la stessa soprintendenza si sta occupando con estrema delicatezza e complessità legate all’impatto che l’opera avrebbe sia sul monumento che sullo paesaggio spettacolare del mare del Canale di Sicilia.
La proficua collaborazione tra il comune di Cattolica Eraclea e la Soprintendenza ai BB. CC. AA. di Agrigento servirà per approfondire la problematica della nuova copertura del teatro e per coinvolgere anche eminenti studiosi, tecnici e architetti di livello internazionale che potrebbero essere coinvolti, per promuovere la realizzazione della progettualità, in un concorso di idee per lo studio di una ipotesi di copertura e per la ricerca di nuove metodologie di restauro degli elementi lapidei del teatro.
La cavea è scavata nella roccia, nella marna bianca molto friabile che viene deteriorata facilmente dagli agenti atmosferici, dal vento, dalla pioggia, dal sole. I gradini furono inizialmente coperti da materiale plastificato che arrecò gravi danni ai sedili. La copertura fu smontata e al suo posto ne nacque un’altra aperta e alta sulla cavea. Oggi l‘idea del concorso di idee.