Sciacca: protesta contro la finanziaria regionale, bandiere a mezz’asta

1136

Anche il sindaco di Sciacca Fabrizio Di Paola aderisce alla iniziativa promossa dall’Anci-Sicilia per protestare contro la finanziaria regionale che ha decurtato circa 150 milioni di euro alle autonomie locali. Nel Palazzo Municipale di Corso Vittorio Emanuele, domani, nel giorno dei festeggiamenti per l’Autonomia Siciliana, saranno esposte bandiere a mezz’asta in segno di lutto così come in tanti altri comuni siciliani.

“Con questa finanziaria – dichiara il sindaco Fabrizio Di Paola –, il governo regionale rischia di dare la mazzata finale ai Comuni. Con gli stanziamenti previsti, ridotti all’osso, gli Enti Locali non saranno più nelle condizioni di garantire i servizi essenziali. Non è più possibile andare avanti in questo modo. Mentre i sindaci si confrontano ogni giorno con la disperazione dei cittadini, altri livelli istituzionali sembrano vivere in una dimensione fuori dal mondo”.

Il sindaco Fabrizio Di Paola sostiene l’azione intrapresa dall’Anci – Sicilia che ha annunciato anche un ricorso al Tar contro la finanziaria regionale, in particolare nella parte che riguarda l’addizionale sull’energia elettrica.

“L’articolo 15 della finanziaria – dice il sindaco Di Paola – prevede quest’anno uno stanziamento di 651 milioni per le autonomie locali. È la stessa cifra dello scorso anno. Ma a differenza del 2012 –  contesta l’Anci – la somma comprende i 101 milioni di accise sull’energia elettrica e i 44 milioni destinati alle Province. In cinque anni i trasferimenti agli Enti Locali sono diminuiti del 44,5 per cento: si è passati da 913 euro nel 2009 ai 506 milioni di euro del 2013. Il dato è sconfortante. Il governo regionale ci deve mettere nelle condizioni di amministrare e di dare risposte ai cittadini. E’ una questione di sopravvivenza”.