Ribera: Gli studenti dell’istituto superiore “Crispi” reciteranno “Il Misantropo” a Siracusa

854

I ragazzi del Laboratorio Teatrale dell’I.I.S. F. Crispi di Ribera, nei giorni 20, 21 e 22 maggio saranno ospiti di Siracusa, “la più bella città della Magna Grecia”, come la definì Cicerone. Martedì 21 maggio 2024, infatti, parteciperanno al XXVIII festival internazionale del teatro classico dei giovani a Palazzolo Acreide.

Gli studenti, selezionati tra altri numerosissimi licei aspiranti, con l’aiuto dei docenti F. Scozzari, C. Daino, M. Marino, L. Rumore e O. Vesco, hanno messo in scena Il Misantropo, una commedia del poeta greco Menandro, grazie alla straordinaria traduzione curata dalla Prof.ssa Francesca Scozzari.

Quest’opera narra di un vecchio uomo scontroso, asociale, Misonte (Davide Angileri), il cui nome significa proprio “colui che odia”, costretto ad interagire con gli altri personaggi, come suo figliastro, il contadino Agrofilo (Marco Angileri), il giovane e nobile Filostrato (Diego Daino), innamorato della giovane Panfile (Costanza Todaro), figlia del bisbetico.

A far da sfondo alla vicenda ci sarà l’apparizione delle Naiadi, ninfe delle sorgenti (Francesca Pia Caruana, Chiara Maria Fauci, Marta Gentile, Rosalba Pace, Marika Puccio, Ginevra Puma, Fabiana Schifano), le quali si esibiranno con meravigliose danze sulle note di musiche inedite. Alla fine della commedia, Misonte dovrà ammettere di essere fin troppo aspro e pronuncerà parole solenni di grande portata filantropica, invitando gli spettatori a non commettere il suo stesso errore.

Insieme agli attori, con il loro lavoro dietro le quinte, costumisti (Denise Borsellino, Desireè Di Giorgi), scenografi (Angelica Alcamisi), coreografi (Eleonora Pullara, Elena Tortorici) e tecnici del suono (Federico D’Alcamo) hanno lavorato con costante attenzione, impegno e maturità per la realizzazione di questo spettacolo. Ciascuno di loro ha contribuito a permettere al gruppo teatrale della scuola di partecipare per la prima volta ad un progetto di rilevante importanza.7