Ribera: Celebrata la festa della Madonna“Virgo Fidelis” patrona dell’Arma dei Carabinieri

321

Mercoledì 23 novembre 2022, alle ore 18,00 nella chiesa Madre di Ribera, anche quest’anno, la sezione dell’Associazione Nazionale Carabinieri, insieme al comando della locale tenenza, ha celebrato la Madonna “Virgo Fidelis” patrona dei Carabinieri. Al rito religioso officiato dall’arciprete don Antonio Nuara, allietato dalla mirabile performance del coro polifonico della parrocchia, diretto da Carmen Zito, contestualmente è stato ricordato l’81° anniversario della Battaglia di Culqualber e la “Giornata dell’Orfano”.

Hanno preso parte alla cerimonia il presidente del consiglio dott. Vincenzo Costa con l’assessore Leonardo Augello in rappresentanza del sindaco, il comandante della locale tenenza sottotenente Vincenzo De Felice con una rappresentanza di militari dipendenti, il presidente della sezione ANC riberese Girolamo Angileri con una nutrito gruppo di soci con le rispettive familiari e amici, il coordinatore provinciale ANC di Agrigento carabiniere Giuseppe La Mendola. gli amici dell’Auser di Ribera con la presidente Giovanna Valenti e il vice presidente Totò Castelli e una rappresentanza di soci, nonché il giornalista Enzo Minio, il direttore di RTR Mimmo Tornambè e tanti fedeli. Durante la cerimonia sono state ricordati i caduti dell’Arma nell’adempimento del loro dovere ed i soci del sodalizio scomparsi.

Maria “Virgo Fidelis” è stata proclamata ufficialmente patrona dei carabinieri l’8 dicembre 1949 da papa Pio XII, accogliendo l’istanza di monsignor Carlo Alberto di Cavallerleone, ordinario militare per l’Italia, fissando la celebrazione della festa il 21 novembre, in concomitanza della commemorazione liturgica della presentazione di Maria Vergine al tempio e della ricorrenza della battaglia di Culqualber, combattuta in Abissinia fra italiani e britannici, durante il secondo conflitto mondiale.

In quel giorno del 1941, il 1º gruppo mobilitato dei carabinieri si sacrificò nella strenua difesa, protrattasi per tre mesi, del caposaldo di Culqualber, eroico gesto che valse la seconda medaglia d’oro al valor militare alla bandiera dell’Arma dei carabinieri, dopo quella ottenuta in occasione della partecipazione alla prima guerra mondiale. Ai pochi sopravvissuti gli avversari tributarono l’onore delle armi.

Don Antonio Nuara, nel corso della celebrazione della Messa, ha tenuto un’emozionante omelia incentrata sullo spirito di fedeltà che anima tutti i carabinieri d’Italia e il prezioso legame che li unisce spiritualmente alla loro protettrice, la Virgo Fidelis, concludendo con un sentito e profondo ringraziamento di cuore per l’impegno che quotidianamente i militari sostengono nella difesa e protezione della collettività.

In questa giornata si celebra anche la “Giornata dell’Orfano” che rappresenta, per i militari in servizio ed in congedo e per l’O.N.A.O.M.A.C. (Opera Nazionale di Assistenza per gli Orfani dei Militari dell’Arma dei Carabinieri), un concreto momento di vicinanza alle famiglie dei commilitoni scomparsi. La cerimonia dopo la “Preghiera del Carabiniere” recitata dal presidente della sezione maresciallo Girolamo Angileri è terminata sulle note dell’inno alla “Virgo Fidelis”. Momento conviviale con il taglio della torta.