Montallegro: L’impianto per la trasformazione dei rifiuti per l’umido si farà a Rocca di Gallo

50

L’impianto che lavorerà i rifiuti, per la frazione umido, si farà in territorio di Montallegro, in contrada “Rocca di Gallo”. Così ha esitato il provvedimento la conferenza dei servizi del Dipartimento Acqua e Rifiuti dell’assessorato regionale all’Energia, conferenza che rilascerà il Paur, il provvedimento autorizzativo unico regionale, in base al quale nascerà il nuovo sito di conferimento della frazione umida dei rifiuti che avrà il compiuto di trattare e valorizzare l’umido per trasformarlo in compost per l’agricoltura e in biogas per le autovetture.
. Il provvedimento sarà ora notificato al Comune di Montallegro, l’unico ente tra tanti, che ha sempre espresso opposizione perché l’area individuata è localizzata intorno a tre chilometri dal centro abitato.
Contro la determinazione della conferenza dei servizi potrà essere proposta opposizione entro 10 giorni dall’avvenuta comunicazione. Pare che eventualmente ci sia la possibilità ulteriore di opporsi con un ricorso al Tar e al presidente della Regione Sicilia per chiedere l’annullamento della decisione assunta. Potrebbe essere il commissario straordinario Raffaele Zarbo eventualmente a presentare subito ricorso, dato che rimarrà in carica fino al 10 ottobre giorno delle elezioni amministrative. “Continuerò a lavorare per consegnare ai cittadini un nuovo consiglio e un nuovo sindaco – dichiara il commissario Zarbo – per fare uscire il paese dal degrado non solo amministrativo, frutto anche di gestioni precedenti. Non è pervenuto ad oggi alcun provvedimento, ma incontrerò l’avv. Rubino, che difende gli interessi del comune, per valutare ogni possibile azione a salvaguardia del paese e dei cittadini. Ai detrattori che parlano di “inerzia” della gestione commissariale rispondo che sono disponibile ad un confronto e li invito a ricercare i responsabili tra i protagonisti politici ed amministrativi del passato”.