Burgio: In pellegrinaggio La Madonna dei Malati di Raffadali

119

A proposito del gemellaggio tra Burgio e Raffadali in omaggio alla “Madunnuzza di li malati” di Raffadali ci ha scritto la presidente della Pro Loco Sikania di Burgio Mariella Corrao. Queste le sue impressioni sull’incontro religioso interrotto nel 1976 e ripreso quest’anno.
“Per la nostra comunità e per le amiche ed amici di Raffadali che ieri sono venuti a trovarci è stato un momento di grande festa, di preghiera e di condivisione – scrive la Corrao – un pomeriggio ed una serata importanti, di quelle che non si dimenticano, di quelle cioè il cui ricordo rimane indelebile nella mente e nel cuore di ognuno.
Era il 10 agosto 2019 quando sulla pagina Facebook della nostra Pro Loco pubblicavamo il post dal titolo “A Madunnuzza di li malati! A Madunnuzza di San Nieli!”. Con questo post veniva raccontata la storia della Madonna degli Infermi, molto cara ai burgitani di una certa età ma praticamente sconosciuta dalle nuove generazioni.


L’eco di questo scritto giungeva, tra gli innumerevoli luoghi, anche a Raffadali. Iniziava, in tal modo – scrive ancora la Corrao – uno scambio di messaggi prima e di alcune telefonate poi che hanno portato, quasi due anni dopo, a tale momento di gioia. L’auspicio di tutti, della nostra Pro Loco, e dell’intera cittadinanza burgitana e che il gemellaggio odierno possa essere il primo di una lunga serie che non avrà fine con le due comunità, la nostra e quella di Raffadali, che tiornano dopo decenni ad essere legate da un vincolo indissolubile di vicinanza fraterna nel nome della Madonna degli Infermi”.
Va detto per la cronaca giornalistica che il gemellaggio si è svolto in due giorni. La domenica a Raffadali e il lunedì a Burgio. La statua è stata portata, a dorso di un asinello, con fedeli, autorità e cittadini, in contrada “San Nieli” di Burgio dove sono avvenuti i miracoli.