Ribera: Migliorano le condizioni dei coniugi dell’accoltellamento

285

Migliorano parecchio le condizioni dei due coniugi riberesi protagonisti dell’accoltellamento mercoledì pomeriggio. Sono queste le notizie che circolano stamattina nella cittadina confermate da alcuni familiari della coppia. La giovane donna di 37 anni, colpita dai fendenti del coltello, è fuori pericolo all’ospedale di Sciacca “Giovanni Paolo II” dove rimarrà ancora per qualche giorno in osservazione e cura. Il marito, invece, che l’ha accoltellata e che poi con lo stesso coltello si è tagliato gola e polsi, in un tentativo di suicidio, ha fatto registrare in rianimazione all’ospedale “Civico” di Palermo un buon miglioramento generale grazie alle cure dei medici. La prognosi non è stata sciolta dai medici, ma l’uomo reagisce bene agli interventi.
L’intervento decisivo per salvargli la vita è stato compiuto mercoledì pomeriggio dai carabinieri di Ribera che, al comando del capitano Fabio Proietti, hanno dovuto tempestivamente sfondare la porta d’ingresso dell’appartamento, trovando l’uomo, 40 anni, in un lago di sangue. Sarebbe morto dissanguato se si fosse perso del tempo prezioso.
Nel frattempo, con le indagini ancora in corso sulla vicenda che registra l’intervento della Procura della Repubblica di Sciacca, i militari dell’Arma non fanno altro che raccomandare alle donne di segnalare e denunciare episodi di maltrattamenti in famiglia, ed altro, per consentire agli stessi carabinieri di potere intervenire in tempo debito. L’ultimo episodio è di ieri e lo riportiamo a parte.