Ribera: Grazie a due professionisti riberesi, il Miur è stato condannato a riconoscere le progressioni degli stipendi del personale della scuola

1040

Ci sono voluti la professionalità e l’impegno di due professionisti riberesi affinchè il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca riconoscesse le progressioni di stipendio relative a tutto il personale della scuola, dai docenti agli amministrativi, già precari ed oggi di ruolo. La decisione è stata adottata dal giudice del lavoro di Palermo al quale l’avv. Carlo Venturella e la dott.ssa Antonella Triassi si erano rivolti per consentire agli operatori del mondo della scuola, professori e personale Ata, con almeno tre anni di servizio, prestato per 180 giorni in ogni anno scolastico, al fine di potere ottenere il riconoscimento delle progressioni di stipendio già riconosciute ai docenti e agli Ata di ruolo.
Il tribunale di Palermo ha condannato il Miur al riconoscimento degli scatti di anzianità per il servizio svolto durante gli anni di precariasto da una docente, oggi già di ruolo. I due professionisti di Ribera hanno lavorato al ricorso fin dal 2017 ed oggi hanno visto coronato il loro impegno professionale con il provvedimento che farà giustamente giurisprudenza.
La sentenza, conquistata in primo grado, costituisce un primo passo per i docenti precari e per tutto il personale amministrativo e non della scuola. Oggi, già di ruolo, potranno finalmente ottenere uno stipendio commisurato agli anni di servizio effettivamente prestati alle dipendenze del Miur.
Saranno certamente centinaia, se non migliaia, gli operatori che sono stati impegnati in servizi non di ruolo, prima dell’inquadramento nell’organico di fatto della scuola. Potranno presentare le istanze per ottenere il riconoscimento dei loro diritti.