Ribera: Per il Platani nasce la rete di comuni, scuole ed enti provinciali con il progetto “Halykòs”

232

Prende ormai corpo il progetto di prevenzione ambientale e di valorizzazione della foce del fiume Platani”, realizzato con il sostegno della Fondazione “Con il Sud” per bloccare tutta la plastica che l’acqua trasporta a mare nel Canale di Sicilia.
A seguito della creazione dei tavoli tematici che si sono svolti nell’area forestale di Eraclea Minoa, è stato creato il patto territoriale “Halykòs” che suggella una rete nata tra comuni, istituti scolastici, enti privati e pubblici, associazioni, operatori turistici e liberi cittadini, in corso di formazione.


“La rete – afferma Fabio Galluzzo, delegato per la Sicilia dell’associazione “Marevivo” – concorda nel voler ridurre sensibilmente l’utilizzo di plastica monouso attuando delle piccole azioni sostenibili che tutte insieme contribuiranno di certo in un minor apporto di rifiuti plastici nell’ambiente e soprattutto nel bacino idrografico del fiume Platani. Inizialmente destinato a quei comuni bagnati dal corso d’acqua, il patto territoriale ha finito con il coinvolgere tutte le realtà dei comuni della provincia di Agrigento , anche quelle lontane dal fiume, e di quei comuni delle province di Palermo e Caltanissetta interessate dal bacino idrografico del Platani dove è stata montata una barriera blocca plastica”.
“Una comunione di intenti – dice Mariella Gattuso, direttore regionale di “Marevivo” – che va, laddove possibile, dalla sostituzione di bottigliette di plastica con borracce riutilizzabili alla sostituzione di manufatti di plastica con oggetti compostabili, dall’impegno della raccolta differenziata alla realizzazione di azioni di sensibilizzazione verso la popolazione. Il tutto per promuovere una visione dell’ambiente come “bene comune” di cui prendersi cura”.
E’ una corsa a fare parte del patto. Ad oggi vi hanno già aderito: i comuni di Sant’Angelo Muxaro, Montallegro, Castronovo di Sicilia, San Biagio Platani, Siculiana, Cattolica Eraclea, Ribera, gli istituti comprensivi Esseneto, Agrigento Centro, Anna Frank, Quasimodo, Levi di Montalcini di Agrigento, Crispi e Navarro di Ribera, Pirandello di Porto Empedocle, Contino di Cattolica Eraclea e Montallegro, Marconi di Licata, gli istituti d’istruzione superiore Fazello di Sciacca, Madre Teresa di Calcutta di Casteltermini, Odierna di Palma di Montechiaro, Don Michele Arena di Sciacca e dozzine di associazioni di Racalmuto, Realmonte, San Biagio Platani, Favara, Canicattì, Sciacca, Ribera.