Ribera: Movimento 5 Stelle Coronavirus “Individuare i posti letto negli ospedali

478

Il perdurare dell’incertezza assistenziale dell’emergenza Covid-19 comporta notevoli rischi per la salute pubblica.

In data 8 Marzo 2020 abbiamo inviato una lettera all’Assessore regionale alla Salute Avv. Ruggero Razza, dove suggerivamo misure in favore degli ospedali considerati dismessi in modo da poter fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19 ed evitare oneri e costi accessori in convenzioni a favore di strutture private.

Un particolare riferimento lo avevamo fatto per ricordare l’importanza della struttura ospedaliera riberese che potenzialmente potrebbe ospitare diversi reparti e dare supporto alle strutture di riferimento Covid-19.

In data 20 Marzo 2020 abbiamo inviato una lettera al Direttore Generale F.F. Dott. Alessandro Mazzara, dove chiedevamo il ripristino della piena funzionalità del presidio ospedaliero FRATELLI PARLAPIANO di Ribera e di individuare un Covid Hospital, così come hanno fatto altre realtà lombarde, individuando in particolare come Covid Hospital il presidio ospedaliero “San Giovanni di Dio” di Agrigento, probabilmente il più attrezzato e idoneo a fronteggiare questa emergenza, e ridistribuendo i servizi erogati dallo stesso negli altri presidi ospedalieri dislocati in provincia.

In data 26 Marzo 2020 abbiamo inviato una lettera al Presidente della Regione Siciliana e al Direttore della Protezione Civile Siciliana, invitandoli ad utilizzare i piani di protezione di civile e di utilizzare in particolare il piano della stessa protezione civile che individua in caso di pandemia le strutture utilizzabili su base regionale e provinciale (in provincia di Agrigento, ad esempio, sarebbe possibile recuperare circa 200 posti letto).

Oggi, invece, si corre il rischio di individuare in tutti i presidi ospedalieri dei posti letto per assistenza Covid-19, mettendo a rischio l’incolumità di tutti gli operatori sanitari e di tutti i pazienti affetti da patologie che nulla hanno a che vedere con il Covid-19 o che necessitano di ordinaria assistenza sanitaria.

La realtà e lo “standard” dei nostri presidi ospedalieri non è affatto di primo livello, lo dicono i diversi esposti alle procure fatte dai cittadini, se a questo aggiungiamo la mancanza di personale medico e sanitario adeguato a fronteggiare questa emergenza, la mancanza di vestiario idoneo e una mancata organizzazione globale per fronteggiare l’emergenza, probabilmente non ci resta che piangere.

Vincenzo Rossello
Coordinatore dell’Assemblea Permanente del Movimento Cinque Stelle a Ribera