Bivona: I centri montani avranno un’ambulanza medicalizzata

693

I centri dell’interno montano agrigentino avranno finalmente un’ambulanza con a bordo un medico. A darne notizia è stato il sindaco di Bivona Milko Cinà, presidente dell’Unione dei Comuni “Platani Quisquina Magazzolo”. Il primo cittadino, a nome anche dei sindaci di Alessandria della Rocca Giovanna Bubello, di Cianciana Francesco Martorana e di Santo Stefano Quisquina Francesco Cacciatore, ha reso noto che il direttore generale dell’assessorato regionale della Salute, ing. Mario La Rocca, con la nota del 9 dicembre scorso, ha disposto che l’ambulanza del 118 stabilmente a Cianciana, attualmente dotata solo di un infermiere a bordo, si trasformi con urgenza in ambulanza medicalizzata con medico a bordo per assistere eventuali utenti da trasportare negli ospedali di Ribera, Sciacca o Agrigento.
Per il sindaco Cinà si tratta di “un importante traguardo che ci fa fare passi avanti nella gestione dell’emergenza sanitaria. Ringraziamo l’assessore regionale della salute Razza e l’on. Savarino che hanno dato seguito alle nostre istanze e alle nostre preoccupazioni sul problema serissimo che viviamo: la lontananza dalle strutture di pronto soccorso in caso di emergenza”.
Nell’incontro avuto in assessorato i sindaci hanno chiesto anche l’apertura di un Punto Territoriale di Emergenza, presidio presso il quale sarebbe possibile effettuare interventi di primo soccorso, di stabilizzazione del paziente in fase critica e di attivazione del trasporto presso l’ospedale più idoneo e vicino. Oggi l’unico neo resta la viabilità dell’area montana definita “borbonica”.