Santa Margherita Belice : Due giorni di festa per i ficodindia

239

Tutti nel centro della Valle del Belice tutti, dagli agricoltori agli amministratori comunali e ai semplici cittadini, hanno capito che la coltivazione del ficodindia e la sua ricca e pregiata produzione, sono alla base dell’economia, assieme al vigneto e all’uliveto. Per tale ragione, il comune continua ad organizzare la manifestazione denominata “Ficodindia Fest 2019” che per due giornate diventa nella cittadina palcoscenico di colori, esibizioni, arte, spettacoli e degustazioni per dare vita a due giornate di festa ed incontri vari. La manifestazione è stata organizzata grazie alla collaborazione della Regione Siciliana, del comune, della consulta giovanile, della Pro Loco, dell’Istituzione Giuseppe Tomasi di Lampedusa e dello Slow Food Terre del Belice.
“Santa Margherita – ci dice il sindaco Francesco Valenti, con cui hanno collaborato gli assessori Giacomo Abruzzo e Filippo Rabito – è conosciuta in Sicilia ed oltre perché la terra del Gattopardo e del ficodindia. Quest’ultima è diventata una bellissima realtà. Ogni anno che passa il ficodindia è una opportunità e un valido sbocco economico per i nostri agricoltori e la popolazione”.


La due giorni prevede oggi l’apertura degli stand, le musiche etniche in omaggio al frutto, un convegno agricolo dal tema “Ficodindia, la pianta del futuro”, una mostra di Pascal Catherine sui colori emblematici del Belice, una caccia fotografica al tesoro e una cena con menù a base di ficodindia e vastedda del Belice e serata con vari intrattenimenti musicali. Domani, invece, degustazione di ricotta, raduno regionale del folclore siciliano e di auto d’epoca, pranzo a base di ficodindia e vastedda, esibizione e sfilata di gruppi folk, “Il circo equilibrato” e “Skarafunia”.