Ribera: Aumentano i furti, le risse, gli spacciatori e gli scippi

2988

La popolazione è a rischio per furti, risse, spacciatori di droga e ultimamente per scippi. Nonostante i continui controlli e le perlustrazioni anche notturne dell’Arma dei Carabinieri, gli eventi malavitosi aumentano di giorno in giorno e preoccupano i cittadini. E’ di ieri lo scippo eseguito da un giovane a piedi ai danni di una persona anziana che nella via Pasciuta si è vista strappare dalle mani la borsa con scarso contenuto.
Il maggior numero di misfatti è compiuto da extracomunitari che, alcuni residenti e altri senza fissa dimora, si sono dedicati allo spaccio di droghe leggere e pesanti. Sono soprattutto lavoratori disoccupati di nazionalità tunisina e marocchina, già impegnati nei lavori stagionali, i quali sono dediti allo smercio di hashish e talvolta anche di cocaina a danno di tanti giovani riberesi.
Sono i cittadini comunitari romeni gli artefici di numerosi furti in abitazioni urbane e soprattutto nelle case rurali dove rubano attrezzature e mezzi agricoli, perfino il carburante. Un gruppo di giovanissimi ladri, invece, visitano le scuole e portano via costosi strumenti informatici e sussidi didattici. Il rischio di essere coinvolti in risse è notevole perchè nordafricani ubriachi si azzuffano tra loro a colpi di bottiglie di birra o prendono a sassate l’ambulanza del pronto soccorso. Egiziani e rumeni si prendono a coltellate sul corso principale e vanno a finire con ferite gravi in ospedale.
Il commento dei cittadini è unanime: “I carabinieri li arrestano, li portano in carcere e l’indomani sono in giro per compiere l’ennesimo furto o rissa”.