Ribera : Casi di lesmaniosi umana causata dai cani

1812

A Ribera si sono verificati diversi casi di lesmaniosi umana causata molto probabilmente da insetti che vengono veicolati dai cani all’uomo. A lanciare l’allarme, con una interrogazione rivolta al sindaco Carmelo Pace e al presidente del consiglio comunale Giuseppe Tortorici, è stato il consigliere comunale Benedetto Vassallo del Movimento “Il Megafono” il quale chiede di sapere dal sindaco, che in questi giorni si trova all’estero, e dai suoi collaboratori, quali provvedimenti intendano adottare al più presto per la soluzione di un problema sulla salute, sull’igiene e sulla sicurezza pubblica.

Il consigliere Vassallo non spiega la fonte della denuncia e il numero dei casi, ma si dice in giro che siano stati alcuni medici e un paio di veterinari ad accertare la pericolosa malattia che deve essere molto attenzionata anche dalle autorità sanitarie pubbliche. Infatti, potrebbe trattasi di una patologia, causata da parassiti che vengono veicolati da insetti comuni come le zanzare che trasmettono l’agente patogeno dall’animale all’uomo, attraverso una semplice puntura. Si dice pure che i cittadini riberesi colpiti siano già circa una decina. Si tratterebbe di casi per cui il consigliere riberese consiglia la prevenzione che è di fondamentale importanza perché la malattia può creare serie complicanze.

Nella interrogazione-denuncia viene fatto riferimento chiaro e preciso a branchi di cani che scorazzano ogni giorno non solo a Ribera e anche nelle borgate dove, oltre a rappresentare un pericolo per i passanti e per i motorini, vanno indisturbati, senza padroni, alla  ricerca di cibo nella spazzatura che cittadini incoscienti ammucchiano nelle aree periferiche della cittadina.

“La lotta al randagismo è misura indispensabile per garantire sicurezza pubblica e salute dei cittadini – spiega ancora Vassallo – serve pure periodicamente una generale disinfestazione del tessuto urbano, delle periferie e anche delle località balneari”.