Montallegro. Impianto Ford, Il comune ha impugnato il rilascio Paur per l’impianto dei rifiuti

98

Per la realizzazione dell’impianto Ford relativo alla trasformazione dei rifiuti urbani, la telenovela continua ancora con decreti e ricorsi tra il comune di Montallegro e la ditta agrigentina che ha avanzato la richiesta. E’ di ieri la notizia che l’avv. Girolamo Rubino, già legale del comune, su incarico affidatogli dal sindaco di Montallegro Giovanni Cirillo, ha presentato ricorso al TAR di Palermo per impugnare il rilascio del Paur relativo al progetto dell’impianto Ford che la ditta Catanzaro Costruzioni ha presentato e per il quale, dopo tantissime vicende giudiziarie, l’ex assessore regionale al Territorio Ambiente Salvatore Cordaro aveva rilasciato il decreto autorizzativo alla ditta richiedente.

Sono ancora sul piede di guerra sia il sindaco che l’amministrazione comunale e le associazioni ambientaliste locali “La lotta legale continua – dichiara il primo cittadino Giovanni Cirillo – non arretreremo di un millimetro poiché riteniamo illegittimo il rilascio del provvedimento e riteniamo pure sia inquinata da gravi anomalie l’intera procedura autorizzativa. Sull’intera vicenda chiederemo che si faccia piena luce e sono così determinato che a breve chiederò di essere ricevuto direttamente dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella”.

Leonardo Manzone, docente e preside in quiescenza, da tempo afferma che “il problema dell’impianto di Montallegro non è di natura giuridica e tecnica, ma essenzialmente politica”, facendo riferimento alle “promesse” fatte nei mesi corsi dall’ex presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci alla civica amministrazione. La realizzazione dell’impianto integrato di trasformazione dell’umido dai rifiuti in contrada “Rocca di Gallo” era stata autorizzata nello scorso settembre con il Paur emesso dalla Regione Siciliana.