Ribera: Il consiglio comunale ha approvato tariffe e agevolazioni della Tari

134

Il consiglio comunale ha approvato le nuove tariffe in aumento e le agevolazioni della tari per gli utenti. Gli aumenti, con il Pef della società Ribera Ambiente, sono state coperte da nuove entrate finanziarie statali e regionali e graveranno in misura molto ridotta nelle tasche dei cittadini. Delle gestioni passate c’era un disavanzo di circa un milione e 400 mila euro per il 2018-2019-2020. Del disavanzo del 2020, ben 600 milioni andranno a gravare, 200 per anno, sui bilanci del 2021 e sui due anni successivi.
Gli aumenti della tari vanno ricercati nella crescita dei costi del servizio quando si è passati dai tre milioni agli oltre quattro milioni di euro di spesa complessiva, con un aumento di circa il 25 per cento. L’amministrazione comunale è corsa ai ripari, come afferma il sindaco Matteo Ruvolo, ricorrendo ai recenti trasferimenti statali e regionali, ossia ai 409 mila euro concessi dalla Regione Sicilia e ai 90 mila euro erogati dallo Stato.
Saranno concesse delle agevolazioni alle utenze non domestiche, una ventina di categorie tra esercizi commerciali, imprese, partite iva, rimasti fermi per la pandemia, mentre 351 mila euro di trasferimenti andranno alle utenze domestiche su tre fasce di reddito Isee, 9, 12, 14 mila euro, con riduzioni rispettivamente del 75, 50 e 25 per cento. L’aumento per le famiglie con reddito superiore ai 15 mila euro si aggirerà, secondo l’amministrazione civica, di circa 40 mila euro l’anno.