Caltabellotta: Il più vecchio d’Italia è l’ultracentenario Antonino Turturici che domani 18 gennaio compie 109 anni

526

La Sicilia è la capitale dei centenari d’Italia. Risiedono nelle province di Agrigento e di Enna i due supercentenari che si apprestano a superare traguardi eccellenti perché domani Antonino Turturici di Caltabellotta compirà 109 anni e il 16 aprile prossimo Maria Oliva di Piazza Armerina raggiungerà i 112 anni. Sono i centenari più longevi della penisola e sul sito “Supercentenari d’Italia” risultano ai primi posti, guidando la graduatoria nazionale, tra gli uomini e le donne.


A Caltabellotta poteva essere una grande festa cittadina per il nonnino, decano d’Italia tra gli uomini, ma, complice la pandemia da coronavirus, niente cerimonie ufficiali in chiesa e al municipio. Antonino Turturici sarà circondato dall’affetto dei propri cari e riceverà la visita del sindaco Calogero Cattano, che gli porterà un omaggio floreale e un piatto di ceramica a ricordo, e dell’arciprete don Antonio Corda per gli auguri e la benedizione. Abita a casa della figlia Biagia e del genero Paolo Maggio. Avrà a suo fianco i nipoti Lorenzo e Rosella, sposata con Giuseppe Zito, e i tre pronipoti Elia, Giulia e Flavia. Non mancherà la tradizionale torta con la candelina.


L’arzillo ultra centenario è nato il 18 gennaio del 1912, è stato coniugato con Angela Schittone che, sposata nella chiesa madre nel 1959, è scomparsa dopo 58 anni di felice convivenza, a 92 anni, nel 2017. Ha avuto una sola figlia Biagia, insegnante, che l’accudisce. Ha guidato l’auto fino a 94 anni. E’ stato per quei tempi un moderno agricoltore con un’azienda di uliveto e mandorleto. Ha viaggiato in Italia, in Europea e si è recato pure in America, a New York, per celebrare una ricorrenza. Sta bene in salute e allo storico locale Vincenzo Mulè, sul segreto della sua longevità, ha detto: “Vivere senza invidiare nessuno, lavorare in campagna senza stress, mangiare i prodotti biologici locali conditi con olio extravergine biancolilla di Caltabellotta”.
Il nonnino sta bene. “A parte qualche leggero disturbo alla vista – ci dice la figlia Biagia – non ci crea problemi. Ha avuto una grande forza per guarire quando sei mesi fa per una caduta si è fratturato il femore e ha subìto un intervento chirurgico all’ospedale di Sciacca ad opera del dott. Tulumello. Ha recuperato immediatamente. Il segreto ? la cucina semplice, i prodotti naturali della campagna caltabellottese, una vita sana e serena e una grande fede in Dio. E’ stato a Roma per il giubileo nel 1975, vi è tornato nel 2000 e vorrebbe essere presente nel 2025”.
Spesso va a trovarlo Enzo Mulè a cui racconta eventi della sua lunga vita. “Don Antonino vive a Caltabellotta, a 1000 metri sul livello del mare, a pochi chilometri dal mare Mediterraneo, in un’area, tra i fiumi Verdura e Favara, dal microclima unico, tra frutta e verdure locali e tra centinaia di migliaia di piante di ulivo buscionetto – dice lo storico caltabellottese – sarà il consumo dell’olio extravergine a consentire a dozzine di anziani di superare il secolo di vita”.
La cittadina montana agrigentina ha un record in Sicilia. Negli ultimi 15-20 anni ha fatto registrare la presenza di oltre una ventina di centenari. Oggi gli ultracentenari viventi sono, oltre al Turturici, Marianna Pipia (103 anni), Calogera Intermaggio (101) e Maria Cottone (100 anni). Negli anni scorsi la più longeva è stata Calogera Nicolosi vissuta fino a 110 anni e sei mesi e scomparsa nel 2014. Questo il lungo elenco dei nonnini: Pellegrino Trapani 101 anni, Nunzia Tortorici 102, Giuseppe Tornetta 102, Mariano Grisafi 102, Francesca Augello 100, Rosalia Cantone 102, Domenica Turturici 101, Pellegrina Cusunano 104, Giuseppa Calvacca 104, Marietta Pipia 101, Liborio Martorana 102, Margherita Rizzuto 100, Giuseppa Trapani 101, Maria Antonia Marsala 100, Pellegrina Scarpinati 101, Domenica Ragusa 104.
A Piazza Armerina la città si prepara all’evento storico nazionale. Il 16 aprile prossimo la nonnina Maria Oliva, vedova Catalano, oggi la più longeva d’Italia, in cima alla graduatoria, compirà 112 anni. Il sindaco Antonino Cammarata prepara la grande festa, pandemia permettendo.