Ribera: Ospedale, Gruppo “Azione” invita alla cautela

136

Il gruppo “Azione” di Ribera ha, nei giorni precedenti all’intervista del commissario Zappia e alla comunicazione del sindaco Ruvolo, espresso la volontà di ricevere delucidazioni su sfaccettature non troppo chiare sul nosocomio riberese.

Essendo argomento caro alla cittadinanza tutta, non riteniamo attualmente opportuno continuare ad alimentare una discussione che rischia di trasformare il tutto in una polemica sterile, con conseguente possibile perdita di interesse della cittadinanza a causa delle troppe speculazioni in merito alla vicenda.

In merito alla “mobilitazione organizzata” condotta, a quanto si dice, dal candidato al consiglio comunale per il Movimento 5 Stelle Riccardo Romano quest’oggi in piazza, ci riserviamo di dire che la chiamata della cittadinanza in piazza è una cosa seria, soprattutto nel mezzo di questo momento pandemico.

Riteniamo l’evento non essere stato organizzato in modo conforme, non abbiamo visto traccia di comunicati ufficiali di mobilitazione né una precedente e consona pubblicizzazione della stessa.

Importante sarebbe stato un maggiore coordinamento con i gruppi politici che avrebbero potuto/voluto partecipare oltre che una chiamata alla cittadinanza, anche tramite radio e mezzi stampa.

Protestare è lecito, mobilitarsi ancora di più, non in questo modo però. Le modalità della gestione di questa manifestazione sono risultate agli occhi di molti senza identità, anzi, riteniamo che tali modalità possano soltanto allontanare l’attenzione della gente che non vede un congruo coinvolgimento.

Proprio per l’importanza che per noi rappresenta l’attuale servizio ospedaliero riberese e alla luce delle recenti novità derivanti da rassicurazioni fatte dal dott. Zappia, in questo delicato momento riteniamo più consono vigilare sulle promesse fatte, senza tentativi di ostruzionismo.

Pur mantenendo il veto su alcuni punti, quali ad esempio il “Punto Integrato di Emergenza” (che continua a mantenerci dubbiosi e in parte un po’ preoccupati sul reale funzionamento e potenziamento del pronto soccorso), quanto comunicato dal sindaco Matteo Ruvolo e dal commissario straordinario Zappia trova il nostro interesse e la nostra attenzione.

Consci della caratura delle promesse fatte da questi ultimi e delle varie direttive ministeriali, ma altrettanto esperienti sulla reale gestione della politica in materia di investimenti negli ultimi anni, non ci priveremo comunque nel porre ulteriori domande ove riterremo opportuno.

Sul potenziamento della rete ospedaliera per emergenza COVID-19, corre l’obbligo ribadire che porremo la nostra più totale attenzione affinché non vi siano difformità rispetto alle linee guida del dicastero e discrepanze su quanto detto.

Si ricorda infine che le strutture ospedaliere che non rispettano a pieno gli iter per l’emergenza COVID-19 possono essere gravi fonti di contagio e, non per ultimo, che il paese di Ribera attende con ansia la conclusione dei lavori al terzo piano (previsti massimo per gli inizi di dicembre) del nosocomio con conseguente ritorno dei 14 posti letto.

Alessandro Amaro (Direzione)
Calogero Spallino (Referente gruppo)