Ribera: Il monumento ai caduti con la statua del milite ignoto

231

Finalmente, dopo decenni di attesa, il monumento ai caduti, posto all’interno della villetta Matinella, avrà sulla sua sommità una grande statua in bronzo del milite ignoto. Benefattore dell’iniziativa è stato Pietro Spallino, riberese, ex commerciante di mobili, che ha fatto la donazione al comune per un atto di amore nei confronti della patria, ma soprattutto di centinaia di caduti riberesi nel corso delle guerre mondiali. “Si realizza un sogno – dice Spallino – che avevo in mente da tanti anni. Ultimate le pratiche tecniche e burocratiche presso l‘ufficio tecnico, sarà collocata sul monumento di marmo la grande statua che raffigura un militare al fronte. Era da 50 anni che il monumento aspettava il completamento, dal 4 novembre 1970 quando fu trasferito da piazza Giovanni XXIII in via Verga.”.
La statua, in bronzo statuario, realizzata dalla fonderia di Domenico Signorello e Biagio Foderà, su modello disegnato per l’opera dall’architetto Andrea Messina, è alta 2,20 metri e pesa ben 300 chilogrammi. Tutte le spese tecniche e di realizzazione sono state affrontate dal benefattore Spallino. In questi anni c’è stato un certo interesse verso i caduti in guerra. Strade sono state intitolate ai militari, targhe sono state poste sui luoghi urbani e lo storico Raimondo Lentini ha presentato un libro sui “Caduti, decorati ed eroi riberesi di tutte le guerre”. Dalle accurate ricerche del Lentini si è appurato che nella 1^ guerra mondiale sono caduti 116 soldati, 76 nella seconda, ben 23 vittime civili per i bombardamenti e 5 giovanissimi per i residuati bellici.