Ribera: Amministrative 2020, Programma elettorale del candidato sindaco Vincenzo Rossello

107

Programma amministrativo del Candidato Sindaco Vincenzo Rossello

WELFARE DI COMUNITA’

Meno assistenzialismo, più inclusione sociale e partecipazione attiva.
Programmazione e gestione, su base pluriennale, degli interventi socio-assistenziali e socio-sanitari per l’implementazione e attuazione del Piano di Zona, in risposta ai bisogni dei cittadini (legge 328/2000).
Adeguamento dei regolamenti comunali per l’accesso ai servizi da erogare su predisposizione di progetti personalizzati.
Consolidamento della collaborazione per una progettualità condivisa Comune-ASP al fine di erogare i servizi integrati, nel rispetto dell’unicità della persona e della globalità delle risposte.
In riferimento alla normativa vigente che ne disciplina competenza e le modalità di attuazione e gestione, servizi da attivare:

Area minori e giovani
Centri territoriali per attività educative, culturali, ricreative, con finalità di prevenzione del disagio e di accompagnamento per una adeguata crescita.
Servizio Educativo Domiciliare e/o Territoriale (SED/SET) con funzioni di sostegno psico-socio-educative al minore a al “sistema famiglia” in condizioni di vulnerabilità e o difficoltà.
Attivazione del Servizio Civile e coinvolgimento del volontariato locale (principio di sussidiarietà).
Area Adulti, Anziani e Diversamente Abili
Servizio di assistenza domiciliare (SAD/SADH), interventi socio-assistenziali a domicilio dell’anziano o della persona con disabilità per favorirne la permanenza nel proprio contesto abituale e garantirgli una buona qualità di vita.
Centro Diurno/Centro Socio Educativo (CSE), per attivare la socializzazione e il mantenimento dell’autonomia, anche residua, della persona a cui il servizio è rivolto, e favorire la partecipazione attiva alla vita culturale, sociale e politica della comunità locale.
Istituzione Albo Badanti, per offrire consulenza e supporto per la scelta di un operatore qualificato.
Attivazione di piani personalizzati, con l’impiego di tutte le risorse previste dalla normativa vigente, al fine di favorire l’inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati mediante borse lavoro, tirocini formativi, ecc.
Area Marginalità
Servizi per la presa in carico di soggetti fragili o senza fissa dimora quali centri di prima accoglienza o servizi a bassa soglia, dormitori.

 

POLITICHE SANITARIE

Salvaguardia del nostro presidio ospedaliero in quanto “ospedale di zona disagiata”.
Istituzione di un “centro regionale specializzato per le malattie infettive”, con annesso Covid Hospital e Pronto Soccorso.
Tutela dei servizi sanitari territoriali (PPI, CSM).
Dare alla LILT una sede nel nostro territorio

INCLUSIONE SOCIALE E REDDITO DI CITTADINANZA

Avviare tutte le procedure utili a dare avvio all’inclusione sociale prevista dalla legge istitutiva del Reddito di Cittadinanza, che ha predisposto la Piattaforma GePI proprio per la gestione dei Patti per l’Inclusione Sociale, nonché per verificare i requisiti anagrafici dei beneficiari di RdC, e, altresì, per la gestione dei Progetti Utili alla Collettività (PUC, approvati con DGC n. 10 del 27.01.2020) cui sono tenuti a partecipare i beneficiari di RdC.
Dai lavori di gestione della Biblioteca civica a piccoli lavori di manutenzione e pitturazione presso le scuole del territorio comunale, dalla promozione turistica alla raccolta di piccoli rifiuti nei quartieri, dal sostegno ad anziani bisognosi per faccende quotidiane e piccole uscite al recupero delle aree verdi del territorio.
I destinatari riceveranno una adeguata formazione in base alla mansione da svolgere, nonché tutto il materiale occorrente per lo svolgimento della stessa. L’obbiettivo di questi progetti e quello di far sentire il cittadino percettore del reddito una reale risorsa.

AGRICOLTURA E TERRITORIO

Valorizzazione e tutela del made in Ribera, nonché l’esportazione dei nostri prodotti.
Incontri con le imprese e le associazioni di categoria per spiegare tutti i dettagli dell’iniziativa governativa, appena lanciata dal Ministero degli Affari Esteri, che tratta il “Patto per l’export” che comprende 6 punti chiave: comunicazione e informazione, formazione, e-commerce, sistema fieristico, promozione integrata e finanza agevolata.
Iniziative volta al rafforzamento dell’export e delle piccole e medie imprese.
Associazione di tutti gli agricoltori in un’unica azienda agro di Ribera.
Garantire agli uffici preposti la manutenzione ordinaria e straordinaria dei fiumi
Manutenzione ordinaria e straordinaria di strade interpoderali, valloni di scolo e “trazzere” comunali.
Messa in sicurezza e salvaguardia dei territori per prevenire allagamenti e smottamenti, coinvolgendo gli enti che si occupano di agricoltura: Consorzio di Bonifica, ESA, Corpo Forestale e Ufficio Agricoltura.
Abbattimento dei costi di irrigazione con piani industriali annuali (sfruttando fonti alternative) che darebbero a molti giovani la possibilità di restare al Sud.
Garantire la distribuzione dell’acqua per tutto l’anno, così facendo diminuirebbero sensibilmente gli interventi di riparazione delle condotte, si darebbe la possibilità a molti giovani e imprenditori agricoli di diversificare le produzioni.
Adeguamento della pianta organica del Consorzio di Bonifica con personale specializzato.
Corsi di formazione per giovani imprenditori.

ACQUA “BENE COMUNE”

Gestione pubblica del servizio idrico integrato.
Attivazione di un sistema di incentivi per il risparmio idrico in ambito domestico e industriale.
Tariffa dell’acqua non superiore alla media italiana.
Divieto di distacco dei contatori e 50 lt giornalieri minimi garantiti.
Istituzione sportello comunale del servizio idrico e piani di rateizzazione concordati per le utenze morose.

COMMERCIO, TURISMO E CULTURA

Valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale attraverso il turismo sostenibile e modelli economici per la riqualificazione del tessuto urbano, in cooperazione con le associazioni di categoria.
Promuovere e sostenere azioni cadenzate di attrazione di utenza nel centro cittadino attraverso programmi culturale, artistici e musicali.
Incentivare lo start-up di nuovi esercizi commerciali, come la creazione di un Centro commerciale naturale, riducendo la burocrazia, semplificando i regolamenti comunali e premiando i comportamenti virtuosi, con esenzione di tributi (ad esempio zero TARI per tre anni oppure costi ridotti per gli spazi con dehors).
Creazione progetto “IO COMPRO A RIBERA“, con sconti e agevolazioni per i cittadini.
Creazione del progetto “Museo diffuso”, per la pubblicizzazione di case vacanze, B&B, negozi, ristoranti, turismo enogastronomico, percorsi naturali pedonali e/o ciclabili e convenzioni turistiche.
Ripristino luoghi di interesse culturale mediante miglioria delle vie di comunicazione (“pullman panoramico”) tra il Castello di Poggiodiana, il geomorfosito di C.da Santa Rosalia e la necropoli dell’Anguilla, rendendole al contempo fruibili installando luce serale e servizi igienici.
Rivalutazione e ristrutturazione di luoghi ormai dismessi che potranno diventare strutture atte a diffondere la cultura, quali l’ex Mattatoio comunale, adibendolo a centro culturale modello “Cultural Farm Park di Favara” e l’ex Mercato ortofrutticolo, adibendolo a mercatino giornaliero, mercatino del contadino e in particolari periodi dell’anno utilizzarlo per Mercatini Natalizi, Mercatini dell’artigianato, ecc.
Ripristino della fiera dell’artigianato e dell’agricoltura (Ex Fiera Mercato) nella villa comunale.
Ripristino Sagra dell’Arancia e dell’Artigianato.
Bike sharing per il centro abitato e per le borgate estive.
Servizi per località balneari: bagni pubblici, docce a gettone, cabine adibite a spogliatoi, fontanelle pubbliche di acqua potabile.
Creazione di “Gazebo Turistici” nelle località balneari con operatori e guide qualificate per
fornire informazioni e servizi ai visitatori turistici.
Creazione squadre di pulizia e pronto intervento per le problematiche nelle località balneari
Banda municipale città di Ribera.
STREET ART MUSIC – gallerie d’arte e musica a cielo aperto – nei quartieri dimenticati del paese creando percorsi
d’arte locale (con murales e foto) accompagnati dalla musica e concerti.
Creazione portale web turistico comunale.
Istituzione di uno sportello informativo per le nuove opportunità imprenditoriali (incentivi Resto al Sud) e bandi UE.

VERDE PUBBLICO E DECORO URBANO

Introduzione della figura dello spazzino di quartiere o “sentinella ambientale”, presente quotidianamente in tutti i quartieri della città, che vigilerà e segnalerà eventuali abbandoni anomali di rifiuti.
Scerbatura periodica dei viali e cura del verde urbano.
Abbellimento zone verdi comuni con possibile affidamento ad associazioni ad enti culturali per la cura e l’organizzazione di eventi artistici e musicali.
Cura e valorizzazione della “Villa Comunale”.
Ripristino delle aree gioco per bambini dismesse.
Progetti per abbellire balconi giardini e terrazzi privati usufruendo delle detrazioni previste (bonus verde).
Pulizia ordinaria e straordinaria delle località balneari prima, durante e dopo la stagione estiva.
Riorganizzazione degli spazi di affissione per la comunicazione pubblica, istituzionale, pubblicitaria ed elettorale.
Gestione del problema del randagismo.
Più controlli nel centro urbano e installazione telecamere di sorveglianza.

RIFIUTI ZERO

Attuazione di politiche locali basate sul concetto “Rifiuti Zero” (3R – rifiuto/riciclo/risorsa) che mira alla prevenzione della formazione di rifiuti e all’ottimizzazione della raccolta differenziata e del riciclo, con benefici per il cittadino attraverso agevolazioni fiscali.
Realizzazione di una rete di “Ecostazioni”, per la raccolta differenziata automatica che permetta il recupero di determinate materie a livello locale, con un sistema telematico di agevolazioni fiscali (codice a barre) che permetta al cittadino di risparmiare differenziando.
Strategie domestiche di trasformazione dei rifiuti dell’umido in compost per l’agricoltura.
Agevolazioni fiscali attraverso il sistema di tracciabilità che premia il cittadino che differenzia meglio.
Rivisitazione Piano Comunale Amianto, bonifiche dei siti interessati e graduale rimozione dell’amianto presente nel paese e nelle campagne.
Campagne periodiche di sensibilizzazione per la promozione della raccolta differenziata.

URBANISTICA E INFRASTRUTTURE

Manutenzione ordinaria delle strade.
Manutenzione straordinaria dei marciapiedi e degli spartitraffico in stato di degrado.
Servizio di manutenzione e pulizia dei tombini.
Servizio comunale di segnalazione e messa in sicurezza delle buche stradali.
Itinerari turistico culturali ed enogastronomici in zone dismesse della città (ad es. la vecchia ferrovia).
Creazione di piste ciclabili e aree pedonali nel centro storico e borgate estive.
Parcheggi a pagamento nel centro storico di Ribera, e parcheggi “Rosa” con pass esclusivi.
Miglioramento della viabilità stradale tra Seccagrande e Borgo Bonsignore e ripristino della strada che porta alla località “Pietre cadute”.
Miglioramento della viabilità stradale tra Seccagrande e Piana Grande.
Illuminazione strada Seccagrande con lampioni a pannelli solari.
Realizzazione di parcheggi a Seccagrande.
Progettazione e valutazione di un piccolo porticciolo turistico a Seccagrande zona fiume Magazzolo, secondo le norme di tutela ambientale.
Regolamentazione chiara delle concessioni del cimitero comunale attraverso un censimento degli aventi diritto.
Creazione nuovi loculi.
Progetto CASE A 1 EURO per rivalutare il centro storico dando la possibilità a giovani coppie di avere una casa.
Promozione del progetto Super bonus 110% e snellimento pratiche comunali.

SCUOLA E PARI OPPORTUNITA’

Messa in sicurezza degli edifici scolastici e dei luoghi di aggregazione.
Messa in funzione di tutti gli apparecchi utili al buon funzionamento delle attività scolastiche, in primis riscaldamento e mensa scolastica, nei tempi necessari per non arrecare disagio a famiglie, alunni e personale scolastico.
Far diventare la scuola la “piazza dei ragazzi”, con momenti di incontro e confronto su tematiche importanti (dal rispetto dell’ambiente al bullismo), per permettere ai giovani di vivere un contesto extrascolastico pieno di contenuti attraverso esperienze artistiche, musicali e sportive.
Garantire agli alunni diversamente abili piena accessibilità agli edifici scolastici, con parcheggi riservati, entrate idonee e ascensori.
Strisce pedonali fluorescenti o semafori pedonali all’uscita delle scuole.
Graduatorie comunali per l’assistenza, sia scolastica che domiciliare, dei soggetti diversamente abili.
Garantire ai disabili l’accessibilità a tutti gli spazi, interni ed esterni, degli edifici comunali in modo autonomo e senza pericolo: uffici a piano terra, scivoli, entrate facilitate al passaggio di carrozzine, bagni per disabili.
Strade percorribili per i portatori di handicap, parcheggi riservati, entrate idonee nei locali (bar, pizzerie, supermercati, ecc) e bagni per disabili.
Nelle località balneari, bagni pubblici per disabili e passerelle di legno sulle spiagge per facilitare l’ingresso in acqua.
Rispetto delle normativa vigenti in materia di disabilità (a partire dalla legge n. 482/68).

GIOVANI E SPORT

Stretta collaborazione e continuo dialogo con le società sportive del territorio, per proporre al territorio attività collettive, fornendo spazi e attrezzature pubbliche decorose, trovando un equilibrio tra costi di gestione degli impianti e contributi alle società sportive.
Ristrutturazione e messa in sicurezza degli impianti sportivi (ecobonus)
Creazione un ”Fondo salva sport” per permette a tutti i giovani di poter crescere nel contesto sportivo, da sempre strumento fondamentale nello sviluppo sociale, educativo ed emotivo della persona.
Potenziamento degli sport già presenti sul territorio, attraverso aiuti economici provenienti da fondi e bandi nazionali (vedi bando sport e periferie 2020 appena scaduto).
Nuovi progetti (ad es skysurf) per sfruttare le potenzialità del nostro splendido territorio (mare e vento).

ENERGIA AMBIENTE E MOBILITA’

Programmare una riduzione dei consumi energetici del patrimonio pubblico anche attraverso incentivi e bonus nazionali.
Per quanto riguarda gli edifici: isolamento termico degli uffici, risparmio idrico, conversione dei mezzi in dotazione a metano.
Per quanto riguarda i veicoli: riduzione della flotta di auto pubbliche attraverso il ricorso a car sharing e bike sharing (per brevi percorsi).
Sostituzione dell’energia pubblica con tecnologie a basso consumo (ad es. illuminazioni a led) .
Favorire il recupero e il riuso delle strutture esistenti con una progettazione sostenibile, adottando il criterio del “consumo del suolo zero” , “più rigenerazione urbana e meno cementificazione”, in modo da garantire un bilancio ecologico pari a zero.

BILANCIO TRASPARENZA E PARTECIPAZIONE

Riconoscimento dello status di lavoratori al personale comunale precario impegnato in ASU, attraverso tutti gli strumenti necessari per la contrattualizzazione e la stabilizzazione.
Tracciamento puntuale del modo in cui vengono spesi i soldi sul territorio, erogando dati in formato “open”.
Gare d’appalto e bandi trasparenti sull’assegnazione di lavori pubblici, consulenze, forniture, ecc.
Scelta delle risorse umane condivisa e trasparente, con modalità pubbliche di esame preventivo delle competenze, di affidamento dei mandati e di verifica dell’operato.
Al fine di evitare incompatibilità dei ruoli ricoperti verranno pubblicizzati, anche laddove la pubblicizzazione non è prevista dalla legge, gli incarichi dei soggetti coinvolti nelle gestioni dirette e indirette a responsabilità comunale.